Se Milan-Juve fosse una partita di scacchi, Theo Hernandez e Juan Cuadrado sarebbero due torri, gli assi nella manica di Stefano Pioli e Andrea Pirlo, i giocatori in assoluto più continui e decisivi delle due squadre, in grado di cambiare l’inerzia del match semplicemente con una mossa. Da una parte i 4 gol e i 5 assist stagionali del pupillo di Paolo Maldini, dall’altra i 9 assist della “Culebra” colombiana. In un campionato in cui gli esterni a tutto campo fanno la differenza, interpretando la fascia di competenza più come registi che come terzini tradizionali (vedasi anche le ultime prestazioni di Achraf Hakimi e Leonardo Spinazzola) la chiave del big match di San Siro sarà proprio il duello tra il numero 19 rossonero e il 16 bianconero, in una sfida che, numeri alla mano, potrà dirci chi è il miglior laterale della Serie A.

Cuadrado: "Riusciremo a fare il gioco che vuole mister Pirlo"

  • I numeri di Theo e Cuadrado in Serie A
Serie A
La Juventus ci ha guadagnato davvero con Cristiano Ronaldo?
24/12/2020 A 16:55
PresenzeMinuti giocatiGolAssistCartellini
Theo131170435 gialli
Cuadrado13955-43 gialli + 1 rosso

Hernandez e Cuadrado, l’importanza nello scacchiere di Milan e Juve

Proprio nella tesi con la quale Andrea Pirlo è stato promosso allenatore a Coverciano, l’ex Milan e Juve spiega come nel calcio moderno, il ruolo “non sia più una posizione, ma una funzione”. L’esemplificazione perfetta dell’approccio in campo di Cuadrado, partito come terzino agli esordi in patria, impiegato più in attacco a Udine, Firenze e nella prima parte della sua esperienza a Torino e, riadattato in fase difensiva dopo l’arrivo di Cristiano Ronaldo. Sempre a testa alta, a macinare chilometri palla al piede e pronto al ripiegamento quando ce l’hanno gli altri. Con il supporto di Danilo al Meazza proverà a costruire la gabbia per annullare il suo diretto rivale.
Se il lato distintivo del colombiano è, dunque, la duttilità nelle due fasi, quello di Theo Hernandez è senza dubbio la capacità di inserimento tra le linee avversarie come ha dimostrato nella doppietta al Parma. Potenza, corsa e dribbling al servizio di un tiro preciso e quasi sempre risolutore. Qualità perfettamente compensate dall’equilibrio di Calabria nella fascia opposta. Non è un caso che i due esterni siano i rossoneri più “stakanovisti” assieme a Gigio Donnarumma.

Il punto in comune è… un difetto

Se proprio si vuole cercare un difetto dei due laterali bisogna guardare i cartellini racimolati: già sei ammonizioni per il francese ex Real, cinque gialli e un rosso (contro la Fiorentina) per il colombiano. Un dato che deriva da un’eccessiva voglia di recuperare il pallone e ripartire e che, in una stagione del genere, si può tranquillamente perdonare. Chi la spunterà alla Befana?

Theo Hernandez, il bad boy per il Milan che ha stregato Maldini a Ibiza

Serie A
Milan, ufficiale: Geoffrey Moncada nuovo capo area scouting
05/12/2018 A 17:21
Calciomercato 2020-2021
Kaio Jorge, la mossa della Juve per averlo a gennaio
3 ORE FA