"La partita è stata equilibrata, in alcuni momenti hanno fatto meglio di noi, così come noi abbiamo fatto meglio in altri momenti. Il 2-1 ha indirizzato la gara, quell'episodio ha cambiato l'inerzia della partita e poi non siamo più riusciti a riprenderla. Sette assenze sono tante, ma non abbiamo perso l'identità". Stefano Pioli commenta così ai microfoni di Sky Sport la sconfitta per 3-1 a San Siro contro la Juventus, la prima in campionato per il Milan che in Serie A cade dopo una striscia di 27 risultati utili consecutivi.

Sui tanti indisponibili

"La squadra poteva spaventarsi, ha saputo stanotte che sarebbero mancati altri due giocatori ma non ha avuto paura. Abbiamo certi valori, abbiamo tenuto il campo bene. La Juventus ha vinto 9 scudetti e ha grande qualità, ma noi abbiamo tenuto testa con convinzione e forza. La loro qualità ci ha penalizzato sui gol, anche se potevamo essere più attenti".
Serie A
Milan-Juve, pagelle: Chiesa show, CR7 spento. Male Theo
06/01/2021 A 22:04

Sulla prova di Leao

"Sta crescendo tanto, ha tenuto sempre in ansia la difesa avversaria. Nella cattiveria può fare passi in avanti, li farà e li sta facendo. Sta lavorando per la squadra come non aveva mai fatto".

Su Ibrahimovic

"Sta meglio, la prossima partita è tra tre giorni e vedremo. Credo che a Cagliari (domenica 17 ci sarà, mi auguro di ritrovare altri giocatori. Per sabato valutiamo".

Sulla mentalità della squadra

"Giochiamo ogni singola partita con convinzione, mi auguro di ritornare ad avere più possibilità di scelta e certi giocatori importanti. Il fatto di aver mantenuto l'intensità senza certi giocatori ci deve dare grande convinzione".

Quagliarella alla Juve? Simakan vicino al Milan

Serie A
Milan-Juve 1-3, moviola: manca un rosso a Bentancur
06/01/2021 A 20:40
Serie A
La Juventus sbanca San Siro: strepitoso Chiesa, Milan ko 1-3
06/01/2021 A 19:08