Un'altra vittoria importantissima che tiene lì il Milan in alto. Contro il Cagliari, è tornato al gol Ibrahimovic che con una doppietta ricaccia l'Inter a -3. Non è però un segnale ai nerazzurri, dice Pioli, ma un segnale al Milan, e a tutta la gente che popola questa squadra e questa società. Un modo in più per caricarsi e per provare a fare di meglio. E sullo Scudetto?

Pioli: "Ibra ha fatto più del massimo, è un campione in tutto"

Serie A
Milan o Inter: chi sarà Campione d'inverno? La regola
18/01/2021 A 22:32

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata

Un segnale all'Inter?

Un segnale soprattutto a noi stessi, prima che all'Inter. Questa è una stagione che è così, chiedo ai giocatori sempre attenzione perché tutte le partite sono difficili. Abbiamo giocato con forza e qualità e vinto meritatamente. Ai tifosi del Milan dico grazie per il sostegno, non possiamo averli con noi allo stadio, ma so che ci sono. La squadra farà di tutto da qui alla fine. Adesso abbiamo una partita importante con l'Atalanta, ci concentriamo su quella, poi a marzo e aprile vedremo dove saremo

Di Francesco: "Arbitro non all'altezza, serve rispetto"

Come sta Kjaer?

Non è infortunato, ma ha qualche fastidio che lo perseguita e non lo fa giocare sereno. Però sono molto contento di Kalulu, gioca con personalità e forza. Può ricoprire più ruoli, ci sta dando risposte importanti

Ibra ha detto che sarà un Milan cattivo con Mandzukic

Ci penserà lui a tenerlo a bada. Io sono contento. Il club, la proprietà, i tifosi ci chiedono di essere ambiziosi, di provare a riportare il Milan in alto, in Champions. Non è la quantità dei minuti che si giocano, ma la qualità. Ben venga quindi Mandzukic, ho detto subito di sì quando me lo hanno proposto. Ho già parlato con lui, è molto motivato, è un vincente. Magari ci vorrà un po' di tempo, perché è da un po' che non gioca. Lui e Ibra in coppia? Non mi sono mai precluso niente nel modo di stare in campo, l'importante è l'atteggiamento, se c'è quello possiamo giocare anche con tre o quattro attaccanti

Ibrahimovic, Hauge - Cagliari-Milan - Serie A 2020/2021 - Getty Images

Credit Foto Getty Images

Gli impegni che ci attendono tra l'altro saranno tanti, ci sarà turnover, non dovremo correre il rischio di avere tanti infortuni. Abbiamo tirato il collo a molti giocatori nei mesi scorsi e l'abbiamo pagato con gli infortuni. Se ci sarà la necessità, i nostri dirigenti sono pronti a intervenire ancora. Più siamo, meglio è. In Italia sette squadre sono fortissime e tutte lotteranno per lo Scudetto e la Champions. Noi dobbiamo provare a restare nelle prime quattro, ma c'è ancora tanto da fare. Non è che abbiamo già vinto

Come cambia il Milan con Mandzukic

Serie A
Cagliari-Milan, moviola: giusto non dare rigore su Sottil
18/01/2021 A 20:23
Serie A
Milan nel segno di Ibrahimovic: 2-0 a Cagliari
18/01/2021 A 19:30