Gara decisa dagli episodi quella del "Franchi" - valevole per la 17a giornata di Serie A - tra Fiorentina-Cagliari: ha la meglio la Viola, che si aggiudica il match per 1-0, deciso dalla spaccata di Vlahovic al 73', ma anche dal rigore parato da Daragowski a João Pedro nel primo tempo, al 37'. Prima vittoria interna in campionato per Prandelli, che si porta a 18 punti. Nove gare di fila senza vincere per Di Francesco. Vediamo insieme migliori e peggiori del match.

Classifiche e riultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Serie A
Dragowski più Vlahovic: la Fiorentina batte 1-0 il Cagliari
10/01/2021 A 16:51

=== Le pagelle della Fiorentina ===

Bartlomiej DRAGOWSKI 8: un rigore neutralizzato a João Pedro sullo 0-0. Una "paratona" di puro istinto al minuto 78, a vantaggio acquisito. Senz'altro monumentale.
Nikola MILENKOVIC 6,5: puntuale ad ogni intervento, irreprensibile in marcatura.
German PEZZELLA 6: subito dopo l'occasionissima di testa, è costretto a uscire dal campo per un infortunio. Partita sfortunata che, però, era cominciata coi migliori auspici.
Dal 38' Lucas Martinez Quarta 6,5: buon impatto al match, in marcatura su Simeone. Ha il grande merito di far partire il contropiede giostrato da Callejon e rifinito sottoporta da Vlahovic al 73'.
IGOR 5: sciagurato il suo intervento su João Pedro, costato il rigore poi parato da Dragowski.
Martin CACERES 6: tante scorribande lungo la destra. Quantità alternata a qualche controllo approssimativo.
Dal 74' Lorenzo Venuti 6: porta a casa ogni consegna affidatagli da Prandelli.
Sofyan AMRABAT 6,5: con "l'occhio da tigre a metà campo". Recupera un quantitativo industriale di palloni.
Erick PULGAR 6: ancora qualche ruggine da smaltire, ma a centrocampo sta riprendendo le misure giuste.
Cristiano BIRAGHI 6,5: corre a perdifiato lungo la mancina. Cross di qualità e un paio di conclusioni pericolose a tu per tu con Cragno.
José CALLEJON 7: ara l'out di destra in occasione del contropiede con cui serve a Vlahovic il cioccolatino da scartare. Da un giocatore come lui ci si aspetta sempre prestazioni simili.
Dall'82' Borja Valero: sv.
Giacomo BONAVENTURA 6,5: tanta qualità sulla trequarti. L'ex Milan dialoga bene sia con Callejon che con Vlahovic.
Dusan VLAHOVIC 7: momento di grazia. Decide il match con un gol da "rapinatore d'ara". Fino a qualche settimana fa gli si rimproverava che peccasse proprio in questa peculiarità.
Dall'82' Cristian Kouamé.
Mister Cesare PRANDELLI 6,5: tre punti come oro colato. La squadra continua ad acquisire solidità difensiva.

=== Le pagelle del Cagliari ===

Alessio CRAGNO 6,5: all'11' compie un'uscita bassa strepitosa su Vlahovic.
Fabio PISACANE 4,5: nel suo presidio destro di difesa, da cu all'11' mette in seria difficoltà Cragno con un retropassaggio riuscito malissimo.
Sebastian WALUKIEWICZ 5: come già accaduto contro il Benevento e in altre circostanze, le sue marcature risultano decisamente approsimative.
Diego GODIN 6: il suo ritorno al centro della difesa del Cagliari non passa certo inosservato. Nella ripresa, sullo 0-0, sfiora di testa il gol del vantaggio sardo.
Charalampos LYKOGIANNIS 6,5: stoico nel primo tempo, prende testate e calcioni. Nella ripresa, spinge molto lungo la sinistra.
Christian OLIVA 5: in mediana è pasticcione e nervoso, concludendo poco o nulla.
Dall'86' Alberto Cerri: sv.
Razvan MARIN 6,5: motorino della metà campo sarda, più di Nainggolan, almeno nella partita del "Franchi". Subito dopo il vantaggio viola, ci prova con un insidioso rasoterra, respinto di puro istinto da Dragrowski.
Radja NAINGGOLAN 6: parte bene, fornendo a João Pedro il pallone del rigore. Poi, però, come accaduto contro il Benevento e anche a causa di qualche acciacco sopraggiunto durante il match, cala nettamente d'intensità nel corso della partita.
Dall'80' Adam Ounas: sv.
João PEDRO 5: polveri bagnate per il brasiliano. Ha il merito di muoversi molto in tutto l'attacco rossoblù ma, al contempo, l'enorme demerito di aver gettato alle ortiche il penalty che avrebbe potuto cambiare il destino del match.
Riccardo SOTTIL 6: ex di turno come Simeone, combina poco tra le linee offensive della band di Di Francesco.
Dall'86' Matteo Tramoni: sv.
Giovanni SIMEONE 5: prosegue il suo momento No. Il gol manca da tanto, troppo tempo. Dallo scorso 31 ottobre contro il Bologna, per l'esattezza.
Mister Eusebio DI FRANCESCO 5: gira tutto storto, vero. Ma la sua squadra sembra proprio aver perso brillantezza e, con essa, la via maestra. E la sua panchina comincia a scricchiolare.

Come Chiesa ha mandato in tilt Theo Hernández

Qualificazioni Mondiali Europa
Italia nella storia: 36 match senza ko, record assoluto
05/09/2021 A 20:46
Qualificazioni Mondiali Europa
Italia: 35 match senza ko. eguagliato il record di Brasile e Spagna
02/09/2021 A 20:44