Mancano solo 8 giornate al termine della Serie A, eppure il campionato è ancora incerto.L'Inter sta provando a indirizzarlo con tutte le proprie forze, ma Milan, Juve e Atalanta non mollano l'osso. Finora è stata una stagione molto particolare - per non dire insolita - in quanto a tempi e modi, ma nonostante il covid-19 - che ha distrutto la preparazione e sconquassato l'ordine dei match - non tutto è stato da buttare. Dal calcio fluido di Pirlo a quello diretto di Conte, dal pressing e gegenpressing del Milan fino ai mangia-palloni dell'Atalanta, qualcosa da salvare c'è.
In particolare, è interessante sottolineare come stia mutando la fase di possesso dei club di Serie A. L'account twitter CalcioDatato, autentico mago delle statistiche, ha preparato un bel grafico che riassume come risalgono il campo le prime 8 squadre di Serie A, ed è molto intrigante capire quali sono i perni nell'avanzamento delle rispettive manovre.

Conte: "Sono un fratello maggiore per i miei calciatori"

Serie A
Pagellone 30ª: Inter no contest, che lotta per la Champions!
12/04/2021 A 09:16

Inter

Antonio Conte, ad esempio, non può fare a meno di Achraf Hakimi per risalire il campo. Il marocchino, assist-man anche nel match contro il Cagliari, è primo nella distanza progressiva guadagnata attraverso i passaggi in collaborazione con Barella e Skriniar. È stato l'acceleratore di processo del tecnico pugliese nello sviluppo laterale che ha piegato in due la Serie A, e non è un caso che i pericoli dell'Inter siano nati (quasi) tutti dal lato destro. In una parola: decisivo.

Milan

E se i nerazzurri appoggiano tanto del loro gioco sulla catena di destra, per i rossoneri si può dire lo stesso. Nonostante il coinvolgimento sia maggiormente eterogeneo rispetto all'Inter (8 contro 6), le strade più battute sono sempre quelle laterali con Calabria e Theo Hernandez primi per dispersione. In particolar modo l'italiano, che si sta dimostrando super efficace nel garantire la risalita sull'asse con Simon Kjaer e con Alexis Saelemaekers.
https://i.eurosport.com/2021/03/18/3014010.jpg

Juventus

Di terzino in terzino verrebbe da dire, perché anche la Juventus presenta un laterale come uomo-chiave nel risalire il campo. In questo caso si tratta di Danilo, anche se racchiuderlo dentro il termine laterale è troppo riduttivo. Il giocatore brasiliano è stato un autentico tuttofare in casa Pirlo, muovendosi dal lato destro a quello sinistro per finire anche in mezzo al campo in alcune partite. Con 7 presenze in top10 nella tabella di CalcioDatato, l'ex City è stato (ed è tuttora) imprescindibile.

Atalanta

Dulcis in fundo l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, che avanza nella maniera più svariata possibile. Logicamente, anche la truppa di Gasp sfrutta dei pattern di riferimento, come l'asse Gosens-Zapata o il Papu Gomez nella prima parte di stagione, ma i bergamaschi sono molto fluidi nell'alternare il lato destro e quello sinistro con i braccetti, i mediani e gli esterni. In tutto ciò, l'MVP più occulto di tutti gli MVP occulti è Marten de Roon: presente due volte nella top5 delle linee di passaggio insieme ad Hateboer.

Come cambierebbe la Juventus con Mauro Icardi

Serie A
Curva Sud a Milanello: zero distanze e poche mascherine
4 ORE FA
Serie A
Juve-Milan ai raggi X: chi parte favorito?
5 ORE FA