GRIGLIATA. Ricordo i miei pronostici del 18 settembre (a mercato ancora aperto): 1. Juventus, 2. Inter, 3. Atalanta, 4. Milan, 5. Napoli, 6. Roma, 7. Lazio, 8. Fiorentina, 9. Sassuolo, 10. Torino, 11. Cagliari, 12. Bologna, 13. Udinese, 14. Sampdoria, 15. Parma, 16. Verona, 17. Benevento, 18. Genoa, 19. Crotone, 20. Spezia.
Questo, invece, l’ordine d’arrivo: 1. Inter, 2. Milan, 3. Atalanta, 4. Juventus, 5. Napoli, 6. Lazio, 7. Roma, 8. Sassuolo, 9. Sampdoria, 10. Verona, 11. Genoa, 12. Bologna, 13. Fiorentina, 14. Udinese, 15. Spezia, 16. Cagliari, 17. Torino, 18. Benevento, 19. Crotone, 20. Parma.
Ricapitolando: ho beccato l’Atalanta terza, il Napoli quinto, il Bologna dodicesimo. E una sola retrocessa su tre: il Crotone. Voto: 4.
Serie A
Atalanta-Milan, 5 verità: Diavolo forte, Dea senza Gosens è dura!
04/10/2021 A 08:46
MIGLIOR SQUADRA: Inter. Novantun punti e scudetto per distacco. Antonio Conte si è corretto in corsa trasformando l’onta europea in una formidabile cavalcata.
PEGGIOR SQUADRA: Fatte le debite proporzioni (di ambizioni, di fatturato, eccetera) Juventus e Torino. La Juventus, al netto delle due coppe, perché discontinua, senza una precisa identità e oggettivamente lenta; e inoltre perché Pirlo, «zero gavetta», ha pagato uno scotto non lieve. Il Toro, per il braccino corto di Urbano Cairo, la confusione in panchina (da Marco Giampaolo a Davide Nicola) e l’assoluta carenza dello spirito che Giovanni Arpino definì «tremendismo granata».
https://i.eurosport.com/2021/04/30/3123771.jpg
MIGLIOR ALLENATORE: Vincenzo Italiano. Sulla salvezza dello Spezia non avrei scommesso un euro. L’ha conquistata con il gioco, non con gli episodi. Dopo Italiano, segnalo Conte, Stefano Pioli, Gian Piero Gasperini, ormai cliente fisso, Roberto De Zerbi, Davide Ballardini e Claudio Ranieri, il carro attrezzi che risponde al primo squillo.
https://i.eurosport.com/2020/08/05/2860408.jpg
MIGLIOR DIRIGENTE: Paolo Maldini. Sempre sereno, sempre la schiena dritta, e le interviste: rare, ma chiare. Ha calibrato i mercati, ha convinto Ivan Gazidis a mollare Ralf Rangnick. Se Zlatan Ibrahimovic è stato il capoclasse e Pioli il maestro, Paolo è stato un preside discreto, persuasivo. E attenzione: nessuno ha vinto fuori casa quanto il Milan (16 su 19, record assoluto).

Paolo Maldini e quella cena con papà Cesare che cambiò per sempre la storia del Milan

DOTTOR JEKYLL E MISTER HYDE. Il Benevento di Filippo Inzaghi. Undicesimo a metà torneo, poi crollato, letteralmente. Nel girone di ritorno, una sola vittoria: allo Stadium con la Juventus. Però.
https://i.eurosport.com/2021/05/16/3133849.jpg
GLI ARBITRI. Maluccio, anche perché il Var decide ma non sempre risolve. La partita da tre in pagella: Juventus-Inter 3-2. Gianpaolo Calvarese non ne ha azzeccata una: dai rigorini di Matteo Darmian su Giorgio Chiellini e di Matthijs De Ligt su Lau-toro Martinez al giallo inventato di Rodrigo Bentancur, fino allo «scherzo» di Juan Cuadrado (Paolo Casarin dixit).
IL PASTICCIO. Come sarebbe andata Juventus-Napoli del 4 ottobre se Aurelio De Laurentiis non avesse «pregato» le Asl campane di bloccare la trasferta? Era la terza giornata, La Juventus era ancora un cantiere, il Napoli lanciatissimo (2-0 a Parma, 6-0 al Genoa). Quando la partita venne recuperata, il 7 aprile, Pirlo non era più all’abc. E vinse. Guardate la classifica. E quanto ha inciso quella rinuncia.

Pirlo: "La sentenza? Hanno preso in giro le altre squadre"

I GIOVANI. Dusan Vlahovic, serbo, 21 anni e 21 gol con la Viola. Altro che «falso nueve»: gran sinistro, occhi di tigre. Giacomo Raspadori, 21 anni di Bentivoglio (Bologna). Centravanti del Sassuolo: rapido, di tocco e di sponda. Roberto Mancini lo ha inserito nel listone «europeo».

Come cambierebbe il Milan con Vlahovic

FORMAZIONE TIPO (4-3-3): Donnarumma; Hakimi, Kjaer, De Vrij, Gosens; Barella, Locatelli, Kessié; Cristiano Ronaldo, Lukaku, Berardi. Lo schema battezzato mi porta a escludere Rodrigo De Paul, fantasista dell’Udinese: nel suo ruolo, il più brillante.
RIGORI. Dai 18 della Lazio della stagione scorsa ai 20 freschi freschi del Milan. Al Diavolo le mezze misure.
L’ADDIO. Gigi Buffon, 43 anni: lascia la Juventus da imbattuto. Con Dino Zoff, il più grande portiere italiano di tutti i tempi.

Da Chiesa a Chiesa: il mito Buffon nel trionfo padre-figlio

VACANZE ROMANE. Non che mi aspettassi molto di più, ma insomma. Avevo scritto: Roma sesta, Lazio settima. Al contrario, Lazio sesta e Roma settima. Siamo lì. Dodici sconfitte ciascuna: un’enormità. Troppo lunatici, i califfi di Simone Inzaghi. E troppo fragili contro le Grandi, i «titolarissimi» di Paulo Fonseca. Ci penserà José Mourinho.

Come cambia la Roma con José Mourinho

Serie A
Atalanta-Milan 2-3, pagelle: Tonali totale, Kjaer autorevole
03/10/2021 A 20:52
Serie A
Verona-Inter, la moviola del match: Lautaro chiede un rigore
27/08/2021 A 20:25