Milan-Napoli, match della ventisettesima giornata della Serie A 2020-2021 andato in scena a San Siro, si è concluso col punteggio di 1-0 a favore dei partenopei. Gara arbitrata da Fabrizio Pasqua. Il gol decisivo è stato segnato da Matteo Politano al 4' della ripresa. Espulso Rebic nel recupero, mentre i rossoneri hanno protestato per un rigore non concesso per un contatto in area tra Bakayoko e Theo Hernandez. Di seguito le 5 verità che ci ha lasciato il posticipo.

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Serie A
Le pagelle di Milan-Napoli 0-1: Politano decisivo, Leao spreca
14/03/2021 A 22:11

1) Milan, game over: lo Scudetto è ormai una chimera

Che il Milan avesse una rosa inferiore all'Inter e alla Juventus lo sapevano un po' tutti. E non da ora: dall'inizio della stagione. Eppure la banda Pioli è rimasta gagliardamente lì, incollata al primo posto, vittoria dopo vittoria, prestazione dopo prestazione. Fino a quando, tra una lunga serie di infortuni e un calo fisiologico di forma, i nodi sono venuti al pettine. E ora il -9 dai nerazzurri, maturato in pochissime settimane, suona quasi come una sentenza: il sogno Scudetto rischia di essere svanito a 11 giornate dalla fine. Resta la qualificazione in Champions League, oltre all'impegno in Europa League. Che, mai dimenticarlo, sono il vero obiettivo stagionale di un Milan comunque autore di un campionato di altissimo profilo.

2) Dalot, Castillejo, Krunic: manca qualità alle seconde linee di Pioli

L'errore di Dalot che ha spalancato al Napoli la via del gol decisivo. L'apporto impalpabile di Castillejo. L'evanescenza di Krunic, peraltro reduce – come il portoghese – da una domenica da protagonista a Verona. Costretto a fare di necessità virtù per sopperire a un lungo elenco di assenze, ma conscio che senza i Calabria, i Kjaer e gli Ibrahimovic si può fare poca strada, Pioli non ha trovato qualità nelle seconde linee rossonere. Ed è principalmente questa la differenza con l'Inter.

Castillejo in azione in Milan-Napoli

Credit Foto Getty Images

3) Rimpianti Napoli: con questa rosa si poteva fare di più

Napoli quinto in classifica, con gli stessi punti della Roma e a due lunghezze dalla quarta posizione occupata dall'Atalanta. Senza dimenticare la partita ancora da recuperare contro la Juventus. Un buon bottino, tutto sommato. Oppure no? Dubbio lecito, perché guardando la rosa a disposizione di Gattuso, e la brillantezza tecnica con cui è stata approcciata la gara di San Siro, qualche rimpianto sorge spontaneo. Tra sconfitte inopinate come quella interna contro lo Spezia o in casa del Genoa, polemiche interne, voci di esonero dell'allenatore e le brucianti eliminazioni da Europa League e Coppa Italia, i partenopei hanno vissuto una stagione sulle montagne russe. Un'annata non in linea con la qualità della rosa. La stagione non è finita, ma solo una qualificazione alla Champions League potrà salvarla.

Politano a segno in Milan-Napoli - Serie A 2020/2021 - Getty Images

Credit Foto Getty Images

4) AAA Leão cercasi

9 gennaio, Milan-Torino 2-0. Più di due mesi fa, Rafael Leão trovava il gol per l'ultima volta. Il destro piazzato, la palla che entrava in rete alle spalle di Sirigu, una sensazione di benessere che coinvolgeva non solo lui, ma tutta la squadra. Poi il portoghese si è spento. L'infortunio di Ibrahimovic lo ha costretto a sobbarcarsi l'intero peso dell'attacco, e della farfalla leggiadra vista all'opera per gran parte della stagione si sono perse le tracce. Un momento no che dura ormai da tempo, tra l'incapacità di far male alle difese avversarie e un rapporto ormai litigarello con le porte avversarie: altro liscio davanti al portiere, com'era già accaduto giovedì a Manchester. Il simbolo delle difficoltà rossonere è proprio lui.
RAFAEL LEÃO 5 - Ha subito un'occasione trovando lo spazio centralmente. Da prima punta si fa vedere ma non va oltre un tiro troppo centrale per Ospina. Poi spreca malamente su invito di Rebic. Al Milan è mancato tanto il centravanti [dalle pagelle di Milan-Napoli]

5) Insigne-Zielinski-Politano: Napoli rilanciato dai propri trequartisti

Mentre Dries Mertens conferma di non aver ancora ritrovato la giusta condizione fisica, sono altri i personaggi da copertina di un Napoli ritrovato: Lorenzo Insigne, Piotr Zielinski e Matteo Politano in primis, ovvero il trio di trequartisti a sostegno della punta più avanzata. L'ex nerazzurro ha realizzato il gol decisivo, regalando alla propria ex squadra una fetta di Scudetto, ma i due compagni si sono resi protagonisti di una prestazione eccellente. Non la prima.

Mihajlovic: "Ibra? Ha fatto bene ad andare al Milan..."

Serie A
Milan-Napoli, moviola: manca un rigore su Theo Hernandez
14/03/2021 A 21:59
Serie A
Politano spegne i sogni del Milan: 1-0 Napoli
14/03/2021 A 19:16