Sotto il diluvio dell'Olimpico, Lazio-Benevento - match valevole per la 31a giornata si Serie A - si rivela una partita per cuori forti. Due autoreti, tre rigori (uno parato da Montipò a Immobile, gli altri realizzati da Correa e Viola), decisioni VAR: 8 reti e 5-3 per la compagine biancoceleste di Simone Inzaghi (ancora "in remoto" causa Covid), che sale a 58 e accorcia a -4 dal quarto posto con ancora la gara interna contro il Torino da recuperare. Immobile, nonostante il penalty gettato alle stelle al 56', raggiunge i 151 centri in Serie A. Per la Strega del fratello Filippo (30 punti), cominciano a salire le prime preoccupazioni serie in ottica salvezza.Vediamo insieme migliori e peggiori del match.

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Serie A
Lazio-Benevento per cuori forti: 5-3 straripante all'Olimpico
18/04/2021 A 08:28

=== Le pagelle dello Lazio ===

Pepe REINA 5,5: subisce tre gol senza dare particolari garanzie sui palloni alti, specie sui calci piazzati.
Adam MARUSIC 5: provoca malamente il rigore trasformato al 63' da Viola cinturando Ionita in piena area.
Francesco ACERBI 5: sovrastato da Glik in occasione del 4-3. Marcature troppo morbide là dietro.
Stefan RADU 6: certamente meglio in propensione offensivo, in cui dimostra di avere coraggio e idee.
Manuel LAZZARI 7: motorino inesauribile nelle ripartenze biancocelesti.
Sergej MILINKOVIC-SAVIC 7: quante geometrie tra le linee di centrocampo e attacco! Suo il filtrante vincente per Immobile, in occasione del momentaneo 2-0.
Lucas LEIVA 6,5: dona equilibrio alla metà campo biancoceleste, che viene inesorabilmente a mancare dopo la sua sostituzione, avvenuta al minuto 57'.
Dal 57' Marco Parolo 6: prestazione ambivalente. Trascina Immobile nel gol del 5-3, ma lascia troppo correre a metà campo, con gli avversari sanniti progressivamente sempre più pericolosi.
Luis ALBERTO 7: tocchi morbidi, palloni recuperati, azioni-gol propiziate. Prestazione sublime.
Dal 70' Jean-Daniel Akpa Akpro 5,5: gara sfortunata, la sua. Pronti, via e, dopo pochi secondi, rimedia un cartellino giallo. Dopo un quarto d'ora, invece, un guaio muscolare che lo costringe a uscire di scena all'88'.
Dall'88' Wesley Hoedt: sv.
Mohamed FARES 6,5: spinge molto sulla sinistra, fornendo assist al bacio per Immobile e compagnia.
Dal 57' Senad Lulic 5: macchinoso. Nonostante la grande esperienza, fatica a spezzare il fiato.
Joaquin CORREA 7: freddissimo dal dischetto sul rigore concessogli da Immobile. Fantallenatori "arrabbiati" (comprensibilmente) per la mancata (ma inevitabile) concessione del 4-1. In campo, è una fucina di idee e giocate.
Dal 70' Vedat Muriqi 5: i pochi palloni che tocca là davanti li sbaglia.
Ciro IMMOBILE 7,5: nonostante il rigore fallito, realizza una doppietta, colpisce un palo (a inizio match) e propizia l'autorete di Depaoli, che apre le danze. Incontenibile: fa 151 in Serie A, tornando al gol dopo due mesi e mezzo di astinenza.
Mister Massimiliano FARRIS (Simone Inzaghi indisponibile) 6,5: squadra straripante per quasi tutto il primo tempo. Nella ripresa, tuttavia, distrazioni e negligenze abbondano.

=== Le pagelle del Benevento ===

Lorenzo MONTIPO' 6,5: un rigore parato a Immobile, un rigore causato (ma solo dopo una grandissima parata su Correa) e 5 gol subiti. Fin dove ha potuto, insomma, ha dato il meglio di sé.
Fabio DEPAOLI 5,5: un po' goffo nell'andare a contrastare Immobile in occasione dell'autorete dell'1-0. Poi, sulla destra, inizia a spingere con convinzione.
Kamil GLIK 6: la sufficienza la guaduagna, tutta, sul gol del 4-3. Per il resto, in difesa, è protagonista di una prestazione da dimenticare, tra fallacci e interventi macchinosi.
Federico BARBA 4: oltremodo svagato al centro della difesa sannita.
Gaetano LETIZIA 5: non ancora al meglio dal punto di vista fisico, fatica parecchio lungo l'out di sinistra.
Dal 57' Luca Caldirola 5: ha il (grosso) demerito di provocare fallo su Immobile in occasione del gol - per questo - annullato a Lapadula.
Roberto INSIGNE 6,5: tanti spunti là davanti. Uno, su tutti, il bell'appoggio per Sau sul gol del momentaneo 1-3.
Pasquale SCHIATTARELLA 4,5: poche idee in zona nevralgica. Prestazione di gran lunga al di sotto dei suoi standard.
Dal 57' Nicolas Viola 7: piede caldissimo. Sia dal dischetto che dalla bandierina. I suoi cross sembrano effettuati col contagiri.
Artur IONITA 6,5: guadagna il penalty de 2-4 e spinge parecchio. Il centrocampista moldavo ex Cagliari lotta su ogni pallone.
Dal 78' Iago Falque: sv.
Riccardo IMPROTA 5: impreciso e, talvolta, egoista lungo l'out di sinistra. Da cui, spesso, rinuncia al dialogo con Gaich.
Marco SAU 7: rete da palati fini, la sua. Poi., già all'intervallo, Filippo Inzaghi è costretto a sacrificarlo, per cambiare volto tattico alla squadra.
Dal 46' Bryan Dabo 6: buona prova in mediana. Sia per quantità, che per qualità.
Adolfo GAICH 4,5: provoca il penalty (poi parato da Montipò) per un fallo a gamba tesa su Milinkovic-Savic. Là davanti, poi, è isolato e privo di idee.
Dal 57' Gianluca Lapadula 6,5: non gli si può proprio rimproverare alcunché. Segna, di testa, un gran gol annullato per colpe non sue e mette tutta la grinta che ha a disposizione della fase offensiva sannita.
Mister Filippo INZAGHI 6: mai facile segnare 3 reti all'Olimpico. Tuttavia, là dietro, occorre sistemare qualcosa.

Farris, vice Inzaghi: "Il mister sta bene, con noi grazie alla tecnologia"

Serie A
Simone Inzaghi: "Tanti rimpianti ma nulla è perduto"
13 ORE FA
Serie A
Lazio-Milan, 5 verità: Diavolo svuotato senza Ibra, flop Mandzukic
27/04/2021 A 07:19