La vittoria contro il Cagliari sembrava rimettere in corsa il Napoli dopo un periodo negativo, ma gli uomini di Gattuso hanno rimediato un pesantissimo ko interno contro lo Spezia. E in 11 contro 10. Una sconfitta che pesa sulle sorti del campionato, con il Napoli che può così finire a -12 dalla vetta della classifica (con una gara in meno), proprio nella stagione in cui si poteva sperare di essere lì fino alla fine. Certo, le assenze di Mertens e Osimhen condizionano e non poco, ma i partenoepi pagano sempre lo stesso discorso: attaccare, creare e non segnare.

Classifiche e risultati

Serie A 2020-2021, la classifica aggiornata | Serie A 2020-2021, calendario e risultati | Serie A 2020-2021, la classifica marcatori aggiornata
Serie A
Napoli-Spezia 1-2, le pagelle: Nzola decisivo, Pobega super
06/01/2021 A 19:36

"Il Napoli sta buttando via tanti punti"

Siamo una squadra che crea tanto. Oggi è difficile parlare della partita. Bisogna capire perché succedono queste cose. Se dopo un passaggio sbagliato perdiamo sicurezze e perdiamo a livello individuale. È da tempo che ci portiamo dietro questo problema perché siamo la prima squadra in Europa per tiri in porta. Siamo troppo nervosi, perdiamo la testa. Non accettiamo che possiamo prendere l'1-1 e compromettiamo le partite. Alla prima difficoltà questa squadra fa troppi errori di valutazione. Il gol è un problema perché creiamo tanto, ma non è solo sfortuna. Questa squadra deve stare sul pezzo e annusare prima il pericolo. Sotto porta serve cattiveria, per la prima volta ho visto tante palle in area senza veemenza. Forse sbaglio io che non riesco a far capire ai ragazzi con quale cattiveria bisogna concludere. La partita deve racchiudersi sui due errori consecutivi di Maksimovic, che si è innervosito. Potevo tirarlo fuori io. È stata una partita di grande qualità, non si discute. Quest'anno stiamo buttando delle partite incredibili e penso che un po' di colpa ce l'ho io, ce l'ha la squadra, ce l'hanno tutti. Stiamo buttando dei punti in maniera incredibile

Allenare la cattiveria sotto porta?

Non deprimersi, fregarsene se si sbaglia, attaccare sempre e non restare lì fermi. Se stai lì a pensare agli errori sbagli. Questa squadra gioca un calcio difficile da proporre, se poi restiamo lì a pensare e andiamo in depressione diventa tutto più complicato. La balistica si può allenare, ma difficilmente abbiamo tempo per farlo giocando ogni tre giorni. I calciatori devono accettare la sconfitta e guardare avanti. La strada è quella giusta. Oggi abbiamo fatto 28-29 tiri in porta, stiamo parlando del nulla. Ma nei momenti di difficoltà vorrei vedere una squadra più tranquilla e meno schizofrenica

M'Bala Nzola esulta dopo il gol su rigore contro il Napoli, Napoli-Spezia, Serie A 2020-21, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Il problema è che non ci mettiamo in testa di poter prendere un gol su un episodio e diventa tutto più difficile. Alla prima difficoltà la squadra pensa a tutto ciò che ha sbagliato. Tutte le partite che abbiamo perso si assomigliano tantissimo, non è un caso. Succede sempre qualcosa di strano. Ma la squadra è competitiva. Si può pareggiare, non bisogna perdere la testa. Oggi lo Spezia ha fatto la sua peggior partita, ma noi abbiamo sbagliato tre passaggi e abbiamo cominciato a giudicare

Lozano punta centrale?

L'ho fatto perché Petagna era stanco e doveva riposare. Lo Spezia poi non ha una linea difensiva perfetta, Lozano poteva attaccare. Ovviamente lo preferisco più da esterno che da centrale. Llorente ci ha fatto salire e giocare qualche palla in più in area. Ma oggi c'è stata partita secondo voi? Di cosa vogliamo parlare... A me giocare con le due torri non piace. Poi Fernando ci fa salire, ha fisicità e volevo riempire di più l'area

De Laurentiis: "Infortunio Osimhen? FIFA e UEFA non sono all'altezza"

Serie A
Impresa in 10: lo Spezia vince 2-1 a Napoli in rimonta!
06/01/2021 A 16:42
Calciomercato 2020-2021
Disastro Eriksen: 2° nella classifica dei più svalutati del 2020
30/12/2020 A 22:31