"End police brutality in Nigeria, porre fine alla brutalità della polizia in Nigeria". È questo il messaggio che arriva direttamente dalla ripresa della Serie A. Prima lo ha lanciato Osimhen, attaccante del Napoli che nella goleada contro l’Atalanta ha realizzato il suo primo gol in campionato, poi in serata Simy, il centravanti del Crotone che ha fermato la Juventus di Andrea Pirlo allo Scida portando in vantaggio la sua squadra su rigore.

"Ai nostri eroi caduti, a tutte le nostre famiglie ferite, a tutti i nostri genitori, fratelli e sorelle con il cuore spezzato, io non riesco a trovare le parole giuste per potervi confortare abbastanza dal vostro grande dolore, ma posso promettervi una cosa oggi: le nostre lacrime e quelle dei nostri Caduti non saranno invano. Il cambiamento sta per arrivare" [Simy su Instagram]

Serie A
Le pagelle di Crotone-Juventus 1-1: brilla Messias
17/10/2020 A 21:24

Entrambi sono nigeriani e hanno festeggiato in una maniera molto meditata e sentita. Come riporta il Corriere della Sera, lo slogan è quello scelto per una protesta iniziata in Nigeria sabato 3 ottobre per le violenze, le torture e gli abusi da parte della Sars (squadra speciale antirapine), che ha ricevuto accuse pesantissime tanto da essere addirittura sciolta dal governo. In Nigeria ci sono state tante manifestazioni di protesta in strada, nelle piazze delle città più importanti del Paese.

Black Lives Matter, la protesta dei giocatori MLS alla ripresa del campionato dopo il Covid-19

Osimhen e Simy hanno dato visibilità alla protesta, un gesto che riporta alla mente le ore successive alla morte di George Floyd, l’afroamericano deceduto lunedì 25 maggio negli Stati Uniti, dopo che l’agente di polizia di Minneapolis, Derek Chauvin, si era inginocchiato sul collo della vittima per almeno sette minuti, mentre era ammanettato e giaceva a faccia in giù sulla strada. Il tutto incurante del "non posso respirare" pronunciato da Floyd. "Black Lives Matter", un grido che abbiamo udito anche in Premier League ed MLS, per ricordare che tutte le vite sono importanti, senza nessuna distinzione. Un movimento di ribellione che aveva abbracciato personaggi noti in tutto il mondo. E di sicuro non finisce qui.

Guardiola sostiene Black Lives Matter: "Mi vergogno per come i bianchi hanno trattato i neri"

Serie A
Le pagelle di Napoli-Atalanta 4-1: Osimhen super
17/10/2020 A 15:24
Premier League
La Premier League contro il razzismo: "Black Lives Matter" sulle maglie al posto dei nomi
12/06/2020 A 11:19