Tutte le dichiarazioni del tecnico giallorosso, Paulo Fonseca, in occasione di Parma-Roma, match valido per la 27esima giornata di Serie A, a partire da DAZN. Partiamo dall’episodio, secondo lei c’era rigore? "Era importante segnare prima del Parma. Siamo entrati bene in gara, abbiamo avuto una situazione con Dzeko. La prima volta che loro sono arrivati in porta hanno fatto gol. Una squadra che vuole andare in Champions non può prendere gol così. Hanno segnato e si sono chiusi". Eravate un po’ stanchi? "Non voglio alibi, non possiamo prendere gol cosi. Questo ha cambiato la partita. Hanno segnato e si sono messi a controllare la partita. Abbiamo preso un gol e abbiamo avuto difficoltà a creare. E’ stata una questione di concentrazione per me, questo gol, e quando sbagliamo poi è dura, e quando prendiamo gol questo cambia la partita. E’ vero che nel primo tempo abbiamo gestito palla, loro hanno abbassato tutti i giocatori ed è difficile se non giochiamo velocemente".
Circolazione di palla lenta, non ha pensato di inserire Cristante prima? "L’abbiamo fatto. Anche Ibanez ha messo qualità, poi abbiamo cambiato, ma lui ha fatto quasi tutte le partite, era diffiicile che giocasse dall’inizio. Dopo la squadra è andata meglio". La Roma ha un problema di concretizzazione degli attaccanti? "No, non penso che sia un problema degli attaccanti. Dzeko ha lavorato molto oggi, ha fatto bene i movimenti, ma non sono arrivati buoni palloni, era difficile oggi. Non è un problema di Dzeko o Mayoral, ma collettivo". Che cosa ha detto ai suoi giocatori dopo la gara? "Niente, di solito non parlo dopo la partita, salvo eccezioni. Vado a casa, vedo la partita, e poi ne parliamo il giorno dopo. Subito dopo non ne parlo, non vorrei fare un’analisi ingiusta. Devo prima rivedere la partita, voglio essere giusto con i giocatori".
Serie A
Parma-Roma 2-0, pagelle: male Pedro, Mihaila il migliore
14/03/2021 A 16:58

Fonseca a Roma TV

La sua delusione l’abbiamo vista a fine partita, punti persi molto pesanti oggi… "Sì, abbiamo perso tre punti importanti. Non mi aspettavo questo risultato oggi. Sapevamo che il Parma aveva bisogno dei tre punti, per questo non potevamo permetterci di prendere un gol prima di farlo. Abbiamo sbagliato una concentrazione difensiva, la prima volta che sono andati in porta abbiamo sbagliato e questo cambia tutta la partita. Si sono abbassati ed è stato più difficile per noi. In un primo momento la squadra ha reagito, ma senza la velocità e l’aggressività offensiva di cui avevamo bisogno e poi a inizio secondo tempo abbiamo preso gol".
Stanchezza? Si è sottovalutata la partita? "No, non voglio alibi. Non possono esserci alibi per questa squadra. Deve sempre esserci una motivazione grande. Non è stata mancanza di atteggiamento, ma di concentrazione. Non possiamo prendere gol così se vogliamo andare in Champions. Sapevamo che era importante per il Parma vincere e volevamo una partita aperta, ma dopo il primo gol loro si sono chiusi ed è stato difficile". Abbiamo guadagnato 12 corner, non si poteva trovare uno scambio corto per far muovere la linea difensiva del Parma? "La nostra squadra è molto forte su calcio d’angolo. Anche oggi abbiamo vinto palloni in angolo e dopo non abbiamo fatto gol, contro una squadra che marca a uomo, abbiamo uomini forti nei duelli e abbiamo vinto palloni. Abbiamo sbagliato il gol, ma la squadra è forte in questo momento".
In questi casi, quando la stanchezza si fa sentire e manca lucidità, quale è la soluzione? "Noi abbiamo cambiato, Bryan per esempio aveva giocato tutte le partite e oggi no. Stessa cosa per Diawara. E’ difficile cambiare di più di cosi. I ragazzi hanno lottato ma non hanno fatto le cose bene. Non è questione di voglia ma di concentrazione difensiva. Questo gol ha cambiato tutto". L’hanno convinta le decisioni dell’arbitro? "Non è per l’arbitro che abbiamo perso, deve essere chiaro. Ma il secondo rigore non c’è. Con la Roma non si vede il Var nelle situazioni di dubbio. Posso accettare anche quella di Pellegrini, ma deve vederlo al Var. Stessa cosa al loro rigore. 2-0 a inizio secondo tempo e quasi siamo fuori dalla partita. Con le altre squadre ci sta sempre il dubbio e si vede il Var. E a fine stagione sono 5-6-7 punti per altri e meno 5-6-7 punti per la Roma. Io voglio lo stesso trattamento per la Roma che hanno per le altre squadre, cosa che oggi non c’è".

Fonseca a Sky

Non cercherà alibi, però la Roma è sembrata stanca e distratta. Non attenta anche nella velocità nei cambi di campo. "Sì, è vero che non abbiamo avuto velocità offensivamente. Non voglio alibi, una squadra che vuole arrivare quarta non deve avere mancanze ma deve avere motivazione. E’ stata una sfida difficile perché abbiamo preso subito gol, è mancata concentrazione e la partita è cambiata. Il Parma aveva bisogno di questi tre punti, si sono abbassati e per noi è stato difficile. E’ mancata velocità e concentrazione difensiva". Come giudica il lavoro di Dzeko? E’ mancato poi Cristante? "Sì, siamo migliorati quando Cristante è entrato. Ha giocato quasi tutte le partite, avevamo bisogno di avere giocatori più freschi, però è vero che quando è entrato siamo migliorati. Dzeko ha lavorato, ha fatto i movimenti ma il pallone non gli è arrivato bene. Lui ha fatto quello che doveva fare, ha aiutato la squadra difensivamente ma penso che la squadra non ha aiutato gli attaccanti".
La fatica dello Shakhtar si è fatta sentire? "Una squadra che vuole quello che vogliamo non può avere mancanze, ma deve avere motivazione. Abbiamo avuto poca concentrazione nel primo gol che poi ci ha danneggiato per tutta la partita. Loro si sono abbassati e non abbiamo avuto soluzioni per attaccare questa squadra così bassa". Non vi siete sentiti tutelati dalla Lega sulla questione rinvio di Juve-Napoli? "La società ha fatto quello che doveva fare. Se c’è un regolamento dobbiamo seguire il regolamento".

Fonseca: "Partita preparata bene, ma non è ancora finita"

Serie A
Roma, brutta caduta: 0-2 contro un grande Parma
14/03/2021 A 13:43
Serie A
Fonseca: "Vorrei sapere perché hanno rinviato Juve-Napoli"
13/03/2021 A 15:57