“Cristiano Ronaldo purtroppo non sarà della partita, non è riuscito a recuperare in questi giorni da un problema al flessore: era troppo rischioso portarlo domani in campo. Ha fatto un po' di differenziato, ma poi non riusciva a spingere come voleva".
Così Andrea Pirlo nella conferenza stampa di presentazione di Atalanta-Juventus in programma domenica alle 15 a Bergamo. “Dybala giocherà dall’inizio”, ha aggiunto l'allenatore bianconero. Sarà la Joya, dunque, a completare il tandem d'attacco con Alvaro Morata nel delicato confronto Champions contro i nerazzurri. Restano da valutare le condizioni di Cristiano Ronaldo visto che mercoledì si tornerà in campo per il turno infrasettimanale, con i bianconeri impegnati contro il Parma. Per il portoghese si tratta del terzo stop in questa stagione, dopo le 4 partite tra campionato e Champions saltate causa Covid ad ottobre e l'assenza in occasione della trasferta di Benevento dello scorso novembre.

Sulla gestione di CR7

Serie A
DAZN, stop alla doppia utenza per abbonamento?
09/11/2021 A 10:32
"Le valutazioni sono state fatte, e quando giocava è perché stava bene. Purtroppo le tre gare in nazionale hanno portato a questo accumulo. Anche lui mi diceva che in avrebbe dovuto giocare solo due gare, poi quel gol annullato con la Serbia e il non riuscire a fare i sei punti l'hanno portato a giocare anche la terza altrimenti sarebbe tornato a disposizione della Juve prima della terza gara. Un accumulo di tutto, di viaggi e partite, può portare alla stanchezza. L'ha detto anche Guardiola, ci sono state troppe partite e le rose sono troppo corte e queste sono le conseguenze. L'abbiamo visto anche in Champions, con Lewandowski che non ha potuto giocare i quarti di Champions per un infortunio rimediato in nazionale".

Pirlo: "Infortunio CR7? Colpa delle nazionali"

Sugli obiettivi

"Abbiamo tutti in testa come unico obiettivo che è quello di arrivare più in alto possibile. Ci siamo stretti verso il nuovo obiettivo che non è quello idoneo alla Juventus. Purtroppo siamo un po' distanti da quello più importante".

Sull'avvicinamento all'Atalanta

"Abbiamo lavorato bene per tutta la settimana, sappiamo che l'Atalanta ha delle caratteristiche particolari. Gioca un calcio diverso rispetto alle altre squadre e abbiamo pensato a delle contromosse. Abbiamo lavorato con intensità per tutta la settimana e sono fiducioso".

Sull'Atalanta

"Più che parlare dei singoli l'Atalanta ha fatto un percorso di squadra importante che li ha portati ad arrivare a determinati traguardi come i quarti di Champions e a lottare ogni anno per i primi quattro posti. Poi quando la squadra fa bene emergono anche i singoli. Gosens è uno di quei giocatori che sta facendo molto bene. Ha raggiunto anche la nazionale tedesca, è un giocatore di grande valore".

Su Arthur e McKennie

"Stanno tutti bene, si sono allenati bene e regolarmente e con buona intensità e possono essere utilizzati domani".

Sul ritorno del pubblico

"Questa è una grande notizia, ma non solo per il calcio ma soprattutto perché vuol dire che tutto si sta normalizzando. Se gli stadi saranno pieni è un'opportunità anche perché vuol dire che la gente sta meglio".
Serie A
Atalanta-Milan, 5 verità: Diavolo forte, Dea senza Gosens è dura!
04/10/2021 A 08:46
Serie A
Atalanta-Milan 2-3, pagelle: Tonali totale, Kjaer autorevole
03/10/2021 A 20:52