La crisi economica morde alle caviglie e tutte le squadre di Serie A non se la passano bene fra stadi chiusi, entrate ridotte e monte stipendi sempre più insostenibili. Proprio questo annoso tema è stato tra i più dibattuti nell’assemblea di Lega dove i club, all’unanimità, hanno votato la proposta avanzata dall’Inter di chiedere alla Figc di far slittare i termini per quanto riguarda gli obblighi relativi alle scadenze per i pagamenti degli stipendi ai giocatori. L’ipotesi, emersa nell'assemblea delle società di oggi, stando a quanto informa l’Ansa è quella di chiedere lo spostamento delle scadenze per le ultime quattro mensilità della stagione 2020/21, ovverosia marzo (con la deadline che passerebbe da maggio a giugno), aprile (da giugno a luglio), maggio (da giugno a dicembre) e giugno (da settembre a dicembre).

Taglio netto a due mensilità

Ma non è finita qui: le 20 società di A hanno anche deciso di avviare una trattativa con l’Associazione Italiana Calciatori per chiedere il taglio netto di due mensilità, un provvedimento che già il management nerazzurro e Steven Zhang hanno avanzato ai propri calciatori e che, stando a recenti indiscrezioni, anche la Juventus si è già preposta a richiedere ai propri tesserati. La richiesta verrà formulata ufficialmente alla Figc nel Consiglio Federale convocato lunedì 17 maggio.
Serie A
La Juve come l'Inter: via alle trattative per posticipare gli stipendi
14/05/2021 A 08:58

Zhang: "Grazie a Conte e ai giocatori. Scudetto è per i tifosi"

Serie A
Inter tra debiti e stipendi alti: dove si può tagliare?
10/05/2021 A 16:50
Serie A
Inzaghi: "Soddisfatto dell'Inter. Çalhanoglu? Farà la mezzala"
IERI A 21:52