Simone Inzaghi vive ore intense in vista del ritorno all’Olimpico contro la sua ex Lazio. L'allenatore nerazzurro è intervenuto in conferenza stampa per parlare della partita di sabato sera alle 18:00. Così sul tour de force che aspetta l’Inter: “Sappiamo che ci attendono tante partite ravvicinate, vogliamo farci trovare pronti. Purtroppo ad Appiano eravamo pochi, ma abbiamo lavorato nel migliore dei modi. Alcuni sono rientrati con qualche acciacco, ora aspettiamo il rientro dei sudamericani”.

Sulla Lazio di Sarri

La Lazio ha fatto ottime partite: dal derby all'Europa League, è una squadra costruita bene, con ottime qualità. Sarri è molto bravo ad organizzare le sue squadre, i ragazzi stanno facendo ottime partite. Hanno perso l'ultima, saranno arrabbiati. Sappiamo che troveremo una squadra vogliosa di far bene.
Serie A
Inzaghi: "Mourinho? Sarà un piacere affrontare l'uomo del Triplete"
10 ORE FA

Sui sudamericani: a Milano restano Sanchez e Vidal

Per quanto riguarda i sudamericani, ci era già capitato contro la Samp. E' una situazione delicata. Sanchez e Vidal non verranno a Roma, non li avrei utilizzati visto che torneranno alle 3 di notte. Torneranno utili per martedì, così come Sensi. In questi giorni si è allenato discretamente in gruppo, ma non può ancora calciare liberamente con il destro vista la distorsione. Ma abbiamo avuto ottime sensazioni, speriamo di recuperarlo presto.

Sugli altri

Parlerò con Lautaro, Correa e Vecino e vedrò come stanno. In Liga hanno fatto bene, ma era un discorso che si doveva fare a inizio stagione. Dobbiamo stringere i denti, abbiamo alternative nel ruolo e dovrò valutare con attenzione in che condizioni arriveranno.

Sul ritorno all'Olimpico

Per me è un ritorno a casa, è stata mia per 22 anni. Innegabile che sarà una grandissima emozione rivedere i ragazzi che in questi anni mi hanno sempre dato tutto. Rivedere le persone dietro le quinte che sono sempre state speciali in tutto questo tempo. E rivedere i tifosi della Lazio, che per me sono stati importantissimi. Abbiamo gioito e sofferto insieme in questi anni e abbiamo raggiunto grandissimi traguardi. Domani so che ci saranno fischi e applausi, ma fa parte del mestiere. Li accetterò, ma loro sanno che io ho sempre dato tutto per quei colori.

Su Lotito

Leggo e ascolto sempre tutto, ma al di là di questo penso che lui e Tare siano state persone molto importanti per la mia carriera. Ho iniziato ad allenare grazie a loro, non finirò mai di ringraziarli. Sapendo che ci siamo integrati bene e che abbiamo ottenuto grandi risultati.

Inzaghi difende Handanovic: "Sarà qui per tanti anni"

Serie A
Sampdoria-Lazio: probabili formazioni e statistiche
11 ORE FA
Serie A
Roma-Inter: probabili formazioni e statistiche
11 ORE FA