"Andiamo a combattere per vincere lo scudetto": l'analisi post Milan-Venezia non può che iniziare da qui dalle parole roboanti pronunciate da Theo Hernandez. L'esterno rossonero, finalmente decisivo con il suo ingresso in campo con un assist e un gol, alza l'asticella che lo stesso Stefano Pioli non vuole porre troppo in alto "Così si può andare lontano..." e ci fa porre un interrogativo che a inizio stagione nessuno o quasi nessuno osava porre. Questo Milan può vincere lo scudetto? Riflettiamoci insieme.
QUESTO MILAN È DA SCUDETTO?

Il lavoro di Pioli

Serie A
Bologna-Milan moviola: Soumaoro e Soriano espulsi da Valeri
UN' ORA FA
Stefano Pioli sa trovare soluzioni in ogni situazione e lo ha dimostrato anche nella partita contro il Venezia. Squadra corta, che si difende in 30 metri, i giocatori in campo non trovano soluzioni? Dentro i laterali titolari, quelli che con un paio di sgasate giuste riescono a risolvere la partita. Il lavoro di Pioli è la base delle fortune del rossoneri: dopotutto cosa si può dire a un signore che ha totalizzato 122 punti in 55 partite?

Più forti degli infortuni

La squadra gioca bene, e anche qui c'è il tocco del mister, a prescindere da chi scende in campo. Le formazioni disegnate a inizio stagione vedevano Ibrahimovic e/o Giroud al centro dell'attacco ma per ora li abbiamo potuti vedere ben poco. Il Milan ridisegnato sulle caratteristiche di Leao, Rebic e Diaz è comunque un Milan che funziona. Anche dietro, se manca Kjaer, c'è Romagnoli, se non c'è Calabria ecco pronti Florenzi e Kalulu: non è la stessa cosa, ma in campo la differenza si vede poco.

Brahim Diaz esulta per il gol del vantaggio in Milan-Venezia - Serie A 2021/2022

Credit Foto Getty Images

Non avevo bisogno della prestazione di questa sera per sapere di avere una rosa importante. Stefano Pioli

Gruppo maturo, non c'è fretta

Il Milan è cresciuto anche nella gestione della partita: di Sandro Tonali e del suo imporsi in mezzo al campo abbiamo già parlato, ciò a cui a riferimento ora è più la lettura dei momenti della partita. Il Venezia è tutto chiuso dietro? Non c'è fretta: si fa girare la palla, finché una dinamica, uno schema, un'intuizione non portino a una soluzione offensiva adeguata. Questa è una caratteristica di un gruppo maturo, che non ha l'ansia di dover aprire le marcature a tutti i costi, perché sa che prima o poi il gol può arrivare.

Scontri diretti

Il Milan ha già alle spalle due scontri diretti con due big di questo campionato, in cui se l'è cavata alla grande: contro la Lazio ha dominato la partita, tanto che il 2-0 finale risulta anche un po' stretto ai rossoneri, capaci di neutralizzare tutte le fonti di gioco della squadra di Sarri. L'1-1 dello Stadium contro la Juventus non può non essere visto come un risultato positivo, anche se nel finale il Milan quella partita poteva addirittura vincerla. E se ci mettiamo il 2-3 di Anfield con il Liverpool, scopriamo che questo è un Milan forte non solo con le "piccole", ma anche assolutamente capace di tenere botta con le "grandi".

Il tifo amico

C'era tanta curiosità nel vedere i giocatori del Milan alle prese con il "pubblico amico": la risposta di queste prime gare a San Siro con il pubblico sugli spalti è assolutamente positiva. Tre partite, altrettante vittorie per una squadra sì giovane - dice Opta "L'11 iniziale del Milan contro il Venezia è il più giovane schierato da una squadra in una partita di questa Serie A (24 anni e 166 giorni)" - ma che non si fa mettere sotto dal palcoscenico in cui gioca.

Pioli dà indicazioni ai suoi durante Milan-Venezia - Serie A 2021/2022

Credit Foto Getty Images

Il Milan parte dal 2° posto

Per rispondere alla domanda inziale (Milan da scudetto?) possiamo dire senza remore: "Sì". Perché, non dimentichiamolo: il Milan parte da un campionato, quello dello scorso anno, in cui per 3/4 del tempo è stato al primo posto e alla fine ha chiuso al secondo, alle spalle dell'Inter. "Tutti vogliono vincere lo scudetto, fa la differenza chi si prepara per vincerlo. E' giusto che i miei giocatori abbiano questa determinazione, la dimostrino sul campo". Tutto giusto, ma adesso né Pioli né il Milan possono più nascondersi.
CLASSIFICA | CALENDARIO | MARCATORI | NOTIZIE

Le nuove maglie della Serie A 2021-2022

Serie A
Bologna eroico in 9, il Milan passa nel finale e va in vetta: 4-2
3 ORE FA
Serie A
Bologna-Milan, le ufficiali: Ibrahimovic titolare
3 ORE FA