Fabrizio Miccoli è stato condannato in via definitiva. L’ex attaccante di Perugia, Juventus e Palermo – come ha stabilito la seconda sezione della Cassazione, dovrà scontare la condanna a tre anni e sei mesi di carcere per estorsione aggravata dal metodo mafioso. Secondo la sentenza, Miccoli commissionò un'estorsione aggravata dal metodo mafioso a Mauro Lauricella, figlio del boss della Kalsa Antonino "u scintilluni", già condannato a sua volta in via definitiva a 7 anni di carcere. Per l'ex capitano rosanero non esiste soluzione alternativa alla prigione, perché a causa dell'aggravante non vengono concesse misure alternative.
Il 42enne ex Nazionale azzurro (ha vestito la casacca dell’Italia 10 volte fra il 2003 e il 2004 mettendo a segno anche due gol) ora, insieme ai propri legali, dovrà decidere dove costituirsi per iniziare a scontare la pena. E’ molto probabile che, Miccoli, chiederà appena possibile al Tribunale di Sorveglianza l'applicazione di misure alternative, ma un passaggio in carcere è inevitabile, e la durata di questa detenzione dietro le sbarre in questo momento è impossibile da quantificare.

2013, Fabrizio Miccoli

Credit Foto LaPresse

Serie A
C'erano una volta Milan e Juventus: un pari che sa di resa
9 ORE FA

La vicenda giudiziaria

La vicenda giudiziaria, che risale a 10 anni fa, nasce dalla richiesta di Miccoli a Mauro Lauricella, figlio di Nino, un mafioso del quartiere Kalsa, di chiedere la restituzione di diverse migliaia di euro all’imprenditore Andrea Graffagnini per conto del suo amico Giorgio Gasparini, ex fisioterapista del Palermo Calcio. La vicenda fece molto scalpore anche per perché Miccoli e "Scintilla" parlavano nelle intercettazioni del giudice Giovanni Falcone come di un "fango". L’ex capitano del Palermo per tali frasi si scusò pubblicamente poi pubblicamente.
CLASSIFICA | CALENDARIO | MARCATORI | NOTIZIE

Le nuove maglie della Serie A 2021-2022

Serie A
Serie A, De Siervo: "Giocatori rinuncino a una mensilità"
14 ORE FA
Serie A
Ibra ci prova per il Derby: nessun esame, tendine monitorato
17 ORE FA