José Mourinho ritrova la Juventus e spera di presentarsi allo Stadium con Tammy Abraham. Il centravanti inglese, uscito con una contusione alla caviglia dalla sfida di martedì di qualificazioni mondiali contro l’Ungheria, viaggerà con la squadra a Torino e lo Special One non ha perso la speranza di vederlo scendere in campo contro i bianconeri. Come ha evidenziato nella conferenza stampa della vigilia...
L’allenamento di oggi è poco, però Tammy viene con noi e domani vediamo. Migliora giorno dopo giorno. Se non dovesse farcela comunque abbiamo due giocatori in condizione di giocare e nessun problema.Vina? Non è in dubbio la sua presenza, ci sarà"
CLASSIFICA | CALENDARIO | MARCATORI | NOTIZIE
Serie A
Juventus-Roma: probabili formazioni e statistiche
14/10/2021 A 09:28

"Accoglienza? La stessa di sempre o forse diversa"

Come sarò accolto? L’accoglienza sarà la stessa di sempre o magari diverso. Oggi si parla di rispetto con la gente e in quella partita con il Manchester si era dimenticato tutto. Sono nel calcio da tanti anni e non è un dramma quello. Se sento la sfida con Allegri? La sfida tra me e lui non esiste, è Roma-Juve e nel passato Juve-Manchester o Inter-Cagliari. Sarà un piacere salutarlo prima e dopo la partita al 200%. C’è rispetto e stima, siamo stati insieme tante volte in 10 anni nelle riunioni di UEFA, pranzi e cene. Non si può dire grande amicizia ma a me lui piace come persona e abbiamo un buon rapporto. Sarà un piacere stare con lui. Sono felice che sia tornato a lavorare perchè per uno come lui tanta vacanza è troppo. Io e Max due allenatori risultatisti? Quelli che sono chiamati risultatisti sono quelli che vincono. Altrimenti sembra una cosa negativa ma è il contrario. Questo per me è un concetto sbagliato. Io e Max abbiamo vinto qualcosa e questo è positivo. Grazie a Dio che mi possono chiamare così”.

Mourinho e il gesto dell'orecchio dopo Juve-United: "Offeso per 94'"

"Con Orsato non ho problemi"

La designazione di Orsato? Prima della partita sono sempre contento dell’arbitro. Non mi interessa dei risultati e di chi è l’arbitro. Mi fido di tutti, parto dal principio che tutti vogliono fare bene. Un uomo dell’esperienza di Orsato serve sempre. Non ho problemi con lui. Gap Roma-Juve ridotto rispetto agli anni scorsi? Ci sono squadre che giocano per vincere la Champions e alcune che giocano la Conference League. Una cosa è chi vince 10 in Serie A e chi 0. Una cosa è una formazione che gioca con Max 5-6 anni e una che gioca con un allenatore che arriva da 2-3 mesi. Una cosa è chi ha 25 giocatori e chi ne ha 13-14 e poi tanti giovani. Però quando inizia una partita siamo là e fino all’ultimo secondo dobbiamo dimenticare tutto questo. Bisogna avere il coraggio e la personalità di fare la nostra partita per provare a vincere. Noi siamo in crescita e per me avere un’identità è molto importante. Non voglio andare alla Juventus e pensare in un modo completamente diverso come squadra. Andiamo lì per giocare, se perdiamo voglio che sia merito della Juventus e non per colpa nostra. Tutte le differenze devono essere dimenticate domani, e che vinca il più bravo. Piace a tutti giocare le partite più grandi. Sono partite da 3 punti, vincere contro una squadra che è nella parte bassa è lo stesso sono sempre 3 punti. Giocare contro squadre con più qualità piace sempre a tutti”.

Juventus-Roma: numeri, statistiche e curiosità

"I complimenti del Newcastle? Sono contento qui a Roma coi Friedkin"

Il Newcastle mi ha definito l’uomo ideale? Non ho niente da dire. Da tanti anni che ho lavorato con una delle più grandi persone della storia del Newcastle come Robson e ho avuto sempre un rapporto emozionale con la gente. Sono molto felice di essere qui al 100% con il progetto Roma-Friedkin”.

Allegri scherza: “Dybala contro la Roma? Forse per il ritorno”

Serie A
Lite Allegri-Morata dopo il cambio: cosa si sono detti
IERI A 22:02
Serie A
Cuadrado-Dybala: la Juve regola 2-0 il Genoa ed è quinta
IERI A 19:27