Con le fatiche di Champions ormai alle spalle - e con la vittoria contro i campioni d'Europa in carica che non può che portare ottimismo e buonumore nell'ambiente, la Juventus di Max Allegri è già pronta ad essere richiamata all'ordine in vista di una delle sfide più sentite dell'intera stagione: all'ombra della Mole è tempo di derby, una partita che - numeri alla mano - presenta un equilibrio che poche volte è stato possibile riscontrare nella storia di questa stracittadina. Stessi punti in classifica (8), granata reduci da 4 risultati utili consecutivi e Juventus decisa a ritrovare se stessa dopo un avvio di stagione a dir poco da incubo, poi, quel fattore Juric che in casa Torino potrebbe giocare davvero un ruolo decisivo.

Juric: "Derby? Girando per Torino si vede che in città si tifa Toro"

Juve, occhio a Juric

Champions League
Nedved: "Dybala rinnoverà, siamo vicinissimi. Siamo felici"
6 MINUTI FA
Eh si, potrebbe essere proprio l'allenatore l'arma di più di questo Torino in vista della sfida di sabato: contro la Juventus, da allenatore, Ivan Juric ha perso solamente una delle ultime quattro partite giocate. Era poco più di due anni fa, con il tecnico croato sulla panchina del Verona e con la Juventus capace di imporsi in rimonta per 2-1 grazie ai gol di Ramsey e Cristiano Ronaldo. Da quel 21 settembre, però, Juric sembra come aver capito come poter arginare il gioco dei bianconeri, trovando la vittoria già nella sfida di ritorno della stessa stagione e incanalando due pareggi consecutivi in quella successiva. Certo, il palcoscenico sarà diverso, così come la pressione che accompagnerà una partita che - soprattutto in casa Toro - non può avere il significato di una normale sfida di campionato. Juric sa cosa vuol dire derby, da giocatore e da allenatore: dopo i tre tentativi di conquistare quello di Genova non andati a buon fine, l'obiettivo è - adesso - quello di colorare di granata le strade di Torino.

Ivan Juric, Serie A 2021-2022

Credit Foto Eurosport

Una Juve rimaneggiata

Stanchezza e assenze a complicare la situazione in casa bianconera: a meno di 72 ore dalla sfida dello Stadium contro il Chelsea, i ragazzi di Max Allegri saranno chiamati all'ultima fatica del tour de force che ha caratterizzato il calendario juventino delle ultime settimane. Le assenze pesanti continuano ad accumularsi, con Dybala al lavoro per tornare al termine della pausa per le Nazionali e Alvaro Morata atteso da uno stop di circa un mese. Al fianco dell'ormai intoccabile Federico Chiesa - allora - ci sarà Moise Kean, comunque non certo un problema da poco per la difesa granata. Quel che è sicuro è che la stanchezza nelle gambe dei giocatori bianconeri inizia a farsi sentire, il Torino dovrà sfruttare - allora - ogni minimo segnale di cedimento.

Allegri: "Testa al Derby: dobbiamo sistemare la classifica"

Belotti ancora out

A livello di assenze, non se la passa certo meglio il Torino di Juric, con Belotti ancora ai box e l'ex della sfida Marko Pjaca che non sembra in grado di recuperare per tempo. Spazio allora all'estro di Brekalo alle spalle di Sanabria, con il croato fresco di primo gol in Serie A e pronto a confermarsi nella partita delle partite. Due vittorie e due pareggi per i granata nelle ultime quattro uscite di campionato, risultati che testimoniano lo spirito di un gruppo capace di andare anche oltre l'assenza del proprio giocatore più rappresentativo. La palla - adesso - passa a Juric, deciso a mettere le mani su un derby che ormai da diverse stagioni non si presentava così in equilibrio.

Le probabili formazioni

TORINO (3-4-2-1): Milinkovic-Savic; Zima, Bremer, Rodriguez; Singo, Lukic, Mandragora, Ola Aina; Pobega, Brekalo; Sanabria. All. Juric
JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, de Ligt, Alex Sandro; Bernardeschi, Bentancur, Locatelli, Rabiot; Chiesa, Kean. All. Allegri

Bonucci: "Atteggiamento giusto per 95 minuti, non dev'essere un'eccezione"

Champions League
Zenit-Juve, le ufficiali: Morata, De Ligt e De Sciglio titolari
UN' ORA FA
Champions League
Il riscatto di Szczesny: da anello debole a punto di forza
8 ORE FA