Il 19 settembre scorso, in occasione di Juventus-Milan, un tifoso bianconero si era reso protagonista, suo malgrado, di cori razzisti nei confronti di Maignan. Il 'tifoso' è stato poi individuato grazie al controllo delle telecamere a circuito chiuso dello Stadium e denunciato per istigazione all’odio razziale, venendo poi sottoposto a Daspo per tre anni. Oggi, questo tifoso, che poi si è scusato, vuole cominciare un'altra vita.
CLASSIFICA | CALENDARIO | MARCATORI | NOTIZIE
Come riporta La Stampa, il suo avvocato ha chiesto la messa in prova presso “La casa di Abraham”, un’associazione di Rovigo che si occupa di accoglienza. Un contrappasso più che giusto se ci riflettiamo un attimo. È questa la richiesta fatta dal signore di Rovigo che deve scontare inoltre dei lavori socialmente utili dopo quell'episodio. Questo il primo passo, anche se il tifoso - inoltre espulso dal fan club Juventus Club Scirea di Castagnaro - ha anche specificato di voler raccontare la sua vicenda nelle scuole. Vuole spiegare che essere tifosi è ben altro, un qualcosa di diverso dall'insultare l'avversario.
Serie A
Caso Maignan, tifoso si scusa: "Avevo bevuto troppo, ho sbagliato"
24/09/2021 A 09:28

Calha-show, l'Inter ha trovato il vice Eriksen?

Serie A
Trovato e denunciato l'uomo che ha insultato Maignan allo Stadium
23/09/2021 A 11:32
Serie A
Maignan: "Sono nero e orgoglioso, finché potrò usare la mia voce lo farò"
21/09/2021 A 21:49