Juventus-Udinese, match della 22a giornata della Serie A 2021-2022, andato in scena all'Allianz Stadium di Torino, si è concluso col punteggio di 2-0. Cosa pensano a caldo allenatori e giocatori del match appena andato in archivio? Ecco le loro valutazioni prese dai microfoni delle televisioni che hanno trasmesso l’evento.
Dybala? Non c'era nessuno, sicché chi guardava (Allegri)
Serie A
Dybala segna e non esulta: tensione in casa Juve
15/01/2022 A 20:28

Classifiche e risultati

Serie A 2021-2022, la classifica aggiornata | Serie A 2021-2022, calendario e risultati | Serie A 2021-2022, la classifica marcatori aggiornata
Champions League classifiche e risultati gironi | Europa League classifiche e risultati gironi |
Il tecnico della Juventus, Massimiliano Allegri, ha parlato ai microfoni di SKY dopo l'ottavo risultato utile consecutivo, una vittoria per 2-0 contro l'Udinese. "Rispetto alla partita di mercoledì, dove abbiamo tenuto per 120 minuti sia mentalmente che tecnicamente, nel secondo tempo c'è stato un momento in cui siamo usciti dalla partita. Non va bene. In queste situazioni, senza i tifosi, è più difficile. Bisogna aiutarsi e stimolarsi all'interno del campo. Abbiamo rischiato in 2-3 situazioni, poi abbiamo ripreso la partita in mano. Ma non sono molto contento".

Su Dybala e lo sguardo in tribuna

"Non c'era nessuno, sicché chi guardava? Ha simulato come se fosse piena di tifosi. Ha fatto un bellissimo gol, è stato bravo Kean nella sponda, con una triangolazione veloce. Nel secondo tempo quando si mette tra le linee, muove la palla, la squadra respira... Lì è stato straordinario".

Che ruolo ha McKennie?

"È un incursore, è offensivo, a destra fa meglio che a sinistra perché secondo me non ha fatto una buona partita finché era lì. A destra ha tempi d'inserimento diverso. Da sinistra fa più fatica, anche il gol di mercoledì a Milano lo ha fatto arrivando da lì, oggi anche. Ci sono questi giocatori che se li sposti cambi rendimento. Hai una visione del campo diversa. Pogba gioca meglio a sinistra, Vidal a destra, Khedira a sinistra andava a sbattere contro il muro, Nocerino se lo mettevi a destra sbatteva contro un muro".

Quanti giocatori ti convincono in questa rosa?

"Siamo concentrati, molto, su quest'anno. Poi è normale, come tutti, che dobbiamo dimostrare sul campo, le possibilità di mercato a cui pensa la società. Io posso fare valutazioni. In questo momento qui sono molto contento di quello che fanno i ragazzi. Noi non dobbiamo prescindere da corsa e intensità, se non caliamo mentalmente esce fuori la tecnica. È questione di esperienza: avevamo De Ligt 99, Pellegrini 99, Kean e Kulusevski 2000. Il più anziano è Cuadrado, gli altri hanno tutti tra i 20 e i 24 anni. Nella gestione della partita ti mancano dei momenti. A noi serve correre".

Manca un leader?

"No, è questione di maturazione. Se giochi con tanti tra i 20 e i 24 anni... In tutti i mestieri ci vuole esperienza. Nessuno nasce imparato. Con l'esperienza si migliora".

Paulo Dybala (Juventus) con lo sguardo di sfida rivolto verso la tribuna dopo il gol contro l'Udinese, Imago

Credit Foto Imago

Il tecnico dell'Udinese, Gabriele Cioffi, ha parlato a SKY dopo la sconfitta contro la Juventus per 2-0. "È mancato che il primo tempo siamo andati di riflesso, più che agire abbiamo reagito. È normale, perché la squadra si è allenata due giorni fa, devi dare recupero dopo quello sforzo incredibile e titanico fatto con l’Atalanta, dal divano vai a giocare ed è dura per tutti. Quello che volevamo portare in campo era il coraggio, nel primo quarto d’ora non c’è stato: lo riporto al fatto che sia arrugginito, quando non lavori…”.

Un possibile fallo da rigore di Bernardeschi su Soppy

“Non l’ho rivisto, vai a giudicare qualcosa dove ci sono assistente e var, la sensazione che ho avuto dal campo è che lo tirasse per i capelli. Se hanno valutato che non lo tirava per i capelli… Con i se e con i ma non si va da nessuna parte. Dirò a Soppy di tagliarsi i capelli..."

L'ammonizione del primo tempo

"Per una serie di episodi, per me non equi. La causa è che io ho urlato un po' troppo, senza mancare di rispetto".

Avete giocato due partite in meno...

"Ieri ho ringraziato il dottor Tenore, sono stati incredibili lui e le strutture a cui ci appoggiamo. Da due settimane sembro un allenatore 2.0, ci alleniamo con le videoconferenze. Noi sappiamo i nostri obiettivi, se giochiamo con coraggio possiamo guardare in faccia a tutti".

Inzaghi: "Dybala? Non mi piace parlare dei giocatori degli altri"

Calciomercato
Da Suarez a Isco: 10 futuri svincolati che non ricordavi
UN GIORNO FA
Calciomercato
Muriel per la Juve: i pro e i contro del possibile affare
IERI A 14:10