Lazio-Verona, match valido per la 38a giornata, è terminato sul punteggio di 3-3, frutto delle reti di Cabral, Felipe Anderson, Pedro, Simeone, Lasagna e Hongla. La gara è stata arbitrata da Colombo. Con questo risultato la Lazio centra il quinto posto.
Qui di seguito i voti ai protagonisti della partita per capire l'andamento della gara.
Serie A 2021-2022, la classifica aggiornata | Serie A 2021-2022, calendario e risultati | Serie A 2021-2022, la classifica marcatori aggiornata
Calciomercato
Le 5 trattative che vi siete persi oggi (27/06)
UN GIORNO FA

Le pagelle della Lazio

Thomas STRAKOSHA 6: non sono sue le colpe sui gol subiti, compie un paio di interventi nel secondo tempo in particolare sulla punizione di Caprari.
Adam MARUSIC 5: in una partita con le difese molto aperte lui non riesce ad incidere in zona offensiva. Si perde Simeone nell'azione del primo gol.
LUIZ FELIPE 5: in difficoltà contro le sfuriate veronesi, la difesa questa sera imbarca acqua. (dal 46’ Dimitrije KAMENOVIC 6: un suo recupero in scivolata stava per salvare il gol del 3-3, buon ingresso)
Francesco ACERBI 5,5: anche lui in confusione nel primo quarto d'ora. Sfiora il gol di testa nel finale, ma Berardi salva con l'aiuto del palo.
Manuel LAZZARI 6: concede a Lazovic grandi libertà (2 assist), ma nel secondo tempo la sua spinta sull'esterno si fa sentire.
Sergej MILINKOVIC-SAVIC 6,5: in ombra nel primo tempo, sale in cattedra nel secondo e la squadra ne beneficia. Gli manca solo il gol.
Danilo CATALDI 6,5: buona gara, i palloni serviti al centro dell'area sono spesso velenosi. Intenso. (dal 73’ Lucas LEIVA 6: standing ovation per il suo saluto all'Olimpico)
Toma BASIC 6,5: in costante crescita, una delle note positive del finale di stagione. Altra prova di sostanza e personalità. (dal 80’ AKPA-AKPRO s.v.)
FELIPE ANDERSON 8: partita di voglia e applicazione per il brasiliano che si è speso più volte anche in recuperi difensivi. Assist per il gol di Cabral, firma personale sul 2-2 e più di uno zampino in occasione della rete segnata da Pedro. Prestazione totale.
Jovane CABRAL 6,5: si muove in area di rigore, al secondo tentativo trova il primo gol in Serie A con la complicità di Sutalo che sporca il suo tiro. (dal 73’ Luka ROMERO s.v.)
Mattia ZACCAGNI 6,5: molto vivace nelle sue iniziative, causa numerose ammonizioni ai danni degli avversari. (dal 48’ PEDRO 6,5: entra e segna immediatamente il gol del momentaneo vantaggio. Che impatto.)
All. Maurizio SARRI 6: l'approccio alla gara è stato preoccupante, ma la reazione ha ripagato il tanto pubblico presente. Obiettivo raggiunto per il tecnico toscano che si prende il quinto posto davanti alla Roma di Mourinho.

Le pagelle del Verona

Alessandro BERARDI 6: non può nulla sui 3 gol, si fa vedere reattivo sul colpo di testa di Acerbi nel finale.
Federico CECCHERINI 5: in apnea quando puntato da Zaccagni. Il giallo subito spinge Tudor alla sostituzione all'intervallo. (dal 46’ Adrien TAMEZE 6: schierato nell'insolito ruolo di terzo centrale difensivo, svolge bene il compito)
Diego COPPOLA 5,5: sfida Cabral in zona centrale, qualche imperfezione la commette ma è il migliore della sua linea.
Bosko SUTALO 4,5: Tudor lo sostituisce alla mezz'ora, dopo essersi reso responsabile dei due gol subiti dal Verona. Devia in rete il tiro di Cabral, perde il rimpallo con Felipe Anderson sul 2-2. (dal 29’ Nicolò CASALE 6: entra al 30' e si dimostra più solido del compagno)
Marco Davide FARAONI 6: supporta tanto la fase d'attacco ed è tra i protagonisti dell'azione del vantaggio.
Martin HONGLA 6,5: inizia in maniera nervosa prendendosi subito un giallo. Sale di tono nella ripresa ed è suo il gol del 3-3. (dal 86’ Fabio DEPAOLI s.v.)
Miguel VELOSO 6: prova solida e senza errori. Battaglia con esperienza in mediana.
Darko LAZOVIC 7: fondamentale nelle trame offensive del Verona. Assist per il primo gol di Simeone e altro pallone d'oro per il terzo gol di Hongla.
Kevin LASAGNA 6,5: spezza il digiuno con un grandissimo gol da fuori area. Bene nel sacrificio in fase difensiva.
Gianluca CAPRARI 5,5: non è la solita mina vagante. Sfiora comunque il gol con una punizione sventata da Strakosha. (dal 86’ DAWIDOWICZ s.v.)

l'esultanza di Giovanni Simeone, Lazio-Verona, LaPresse

Credit Foto LaPresse

Giovanni SIMEONE 6,5: chiude con un gol una fantastica stagione. Lasciato solo dalla difesa laziale spinge in rete di testa il cross di Lazovic. (dal 70’ Daniel BESSA 6: si vede poco nella mezz'ora in campo)
Mister Igor TUDOR 6: il primo quarto d'ora è da sogno, poi la sua squadra si perde e subisce l'ondata biancoceleste. Bravo a rimediare con i cambi: sostituisce in anticipo Sutalo e rivede l'assetto all'intervallo. Stagione molto positiva in cui l'Hellas ha trovato il record di gol realizzati.

De Laurentiis: "Koulibaly è un simbolo: deve decidere se rimanerlo o meno..."

Calciomercato
Milinkovic-Savic, futuro in Premier? Il Chelsea si fa avanti
18/06/2022 A 10:54
Calciomercato
Le 5 trattative che vi siete persi oggi (16/06)
16/06/2022 A 20:04