Lazio-Inter, match dell'8a giornata della Serie A 2021-2022 andato in scena allo stadio Olimpico di Roma si è concluso col punteggio di 3-1 grazie al botta e risposta su rigore di Ivan Perisic e Ciro Immobile, seguito dagli acuti nel finale di Felipe Anderson e Sergej Milinkovic-Savic. Qui di seguito i voti ai protagonisti della partita per capire l'andamento della gara e per un primo sguardo in ottica fantacalcio.

Classifiche e risultati

Serie A 2021-2022, la classifica aggiornata | Serie A 2021-2022, calendario e risultati | Serie A 2021-2022, la classifica marcatori aggiornata
Serie A
Sarri: "Napoli superiore, ma la Lazio non può giocare così"
28/11/2021 A 22:51
Champions League, calendario e risultati | Europa League, calendario e risultati

Le pagelle della Lazio

Pepe REINA 6: incolpevole sul calcio di rigore, non viene impegnato un granché dagli avanti nerazzurri. Sicuro sulle palle alte.
Adam MARUSIC 6,5: spinge con grande profitto lungo la destra. Sta diventando una pedina fondamentale nella scacchiera di mister Sarri.
Luiz FELIPE 6: grande autorità al centro della difesa. Ottimo in marcatura su Dzeko e compagni. A fine gara, però, ha il grosso demerito (a suo dire per un innocuo sfottò) di farsi cacciare nel parapiglia conclusivo, con l'amico Joaquin Correa, che forse dopo questa sera, tanto amico non lo sarà più...
PATRIC 6,5: oltre a una prova difensiva di livello, in condizioni di emergenza, ha il merito di andarsi a prendere il calcio di rigore che cambia l'inerzia del match.
Elseid HYSAJ 5: commette il fallo da rigore su Nicolò Barella, quando avrebbe potuto accompagnarlo verso l'esterno. In generale, spinge poco e la sua prestazione resta, in qualche modo, condizionata dall'errore che ha concesso l'agevole vantaggio ai nerazzurri.
Dal 66' Manuel Lazzari 6: subito attivo in fascia, dà la spinta necessaria alla fase offensiva biancoceleste.
Sergej MILINKOVIC-SAVIC 7: immarcabile sulle conclusioni aeree. Per l'ennesima volta, l'ha dimostrato sul gol del 3-1.
Lucas LEIVA 6,5: diga fondamentale nella zona nevralgica biancoceleste.
Dall'85' Danilo Cataldi: sv.
Toma BASIC 6,5: due conclusioni pericolose, vanificate da Handanovic e tanta corsa a metà campo. L'ex Bordeaux è stata una gran bella rivelazione nella metà campo biancoceleste.
Dal 66' Luis Alberto 7: scodella un pallone col contagiri per la testa di Milinkovic-Savic, in occasione del 3-1. Gli bastano una manciata di minuti per essere decisivo.
Felipe ANDERSON 6,5: un po' in ombra per lunghi tratti del match, si palesa quando serve, nel tap in decisivo sulla respinta di Handanovic al tiro di Immobile.
Dall'86' Jean-Daniel Akpa Akpro: sv.
Ciro IMMOBILE 7,5: gol su rigore e sinistro che impegna Handanovic alla respinta che propizia il tap in di Felipe Anderson sul gol del 2-1. Il centravanti di Torre Annunziata.
PEDRO 7: indemoniato col pallone tra i piedi, conferma il suo stato di forma straripante. Là davanti gli manca solamente il gol. Per il resto, è straripante.
Dal 75' Mattia Zaccagni 6: partecipa con corsa e grinta al finale straripante della sua Lazio.
Mister Maurizio SARRI 7: dopo aver subito il rigore trasformato da Perisic, la Lazio schiaccia per quasi tutto il resto del match l'Inter nella propria metà campo. Bel gioco e concretezza, al di là delle polemiche sul gol di Felipe Anderson.

Le pagelle dell'Inter

Samir HANDANOVIC 6: nel primo tempo sbarra la strada più volte a Basic e compagni. Riesce a respingere anche il mancino di Immobile, ma non può alcunché sul tap in di Felipe Anderson.
Milan SKRINIAR 5: rivedibile la sua marcatura su Milinkovic-Savic. E non solo.
Stefan DE VRIJ 5,5: subissato dai fischi dei suoi ex tifosi, gioca una partita "distratta" al centro della difesa nerazzurra.
Alessandro BASTONI 5,5: braccio largo sul colpo di testa di Patric. Errori che si pagano, anche nel recinto di una prestazione difensiva di discreto livello.
Dal 67' Denzel Dumfries 5: corre ma in maniera disordinata e senza spunti. Entra molto male in partita, palesando eccessivo nervosismo.
Matteo DARMIAN 7: percorre la destra a tutto campo con qualità e atletismo assoluti. Tra i migliori in campo.
Nicolò BARELLA 6,5: si procura il rigore che stappa il match e, a metà campo, opera un prezioso lavoro di contenimento.
Marcelo BROZOVIC 5: praticamente non pervenuto, nella zona nevralgica meneghina.
Roberto GAGLIARDINI 6: qualche contrasto vinto a centrocampo, misure del campo tenute con relativo ordine.
Dal 67' Matias Vecino 5,5: fatica a entrare nelle dinamiche di un finale di partita in cui la Lazio schiaccia a mille sull'acceleratore.
Federico DIMARCO 6,5: sul contatto con Lucas Leiva, resta a terra stordito. Episodio che apre la strada alle mille polemiche sul gol di Felipe Anderson. La sua partita è fatta di grandi percussioni mancine nel corso del primo tempo. Resta tra i migliori della band di Simone Inzaghi anche nella ripresa
Edin DZEKO 5,5: si mette a disposizione del reparto offensivo, senza però risultare particolarmente brillante in zona gol. Impiegato in maniera intensiva per 3 partite dalla Bosnia, è forse il giocatore che, più di tutti quelli scesi in campo, ha sofferto la spedizione in nazionale.
Dal 76' Lautaro Martinez 5: là davanti, i pochi palloni che ha a disposizione, li sbaglia.
Ivan PERISIC 6,5: corsa, cross, qualità e freddezza dal dischetto. Nel secondo tempo, però, l'ex Bayern Monaco perde di samlto e Simone Inzaghi lo toglie dal mazzo.
Dal 67' Joaquin Correa 4,5: nervoso all'inverosimile, finisce per patire eccessivamente il suo ritorno da ex. Là davanti, di fatto, è inconcludente.
Mister Simone INZAGHI 5: subito dopo il vantaggio, la sua Inter smette di fatto di giocare, subendo la progressiva risalita della Lazio. Grave errore.

Locatelli-Juve, che accoglienza! Applausi e l'abbraccio dei tifosi

Serie A
Venezia-Inter, pagelle: Brozovic, Çalhanoglu, Darmian e Lautaro top
27/11/2021 A 22:39
Champions League
Simone Inzaghi in 5 mesi si è preso l'Inter: non era scontato
25/11/2021 A 16:28