In preparazione alla gara di domenica contro il Genoa il tecnico del Napoli Luciano Spalletti ha parlato nella conferenza stampa di rito. Ecco le dichiarazioni più significative di una sessione di risposte incendiaria:

Sulla Panda

"Se comincia così (ride, ndr.). La Panda prima di tutto bisogna vedere in che stato ce la ridanno, quanti km hanno fatto, se ci sono i cd di Pino Daniele dentro. Valuteremo quando accadrà".
Calciomercato
Pogba-Juve, il grande ritorno: c'è l'accordo
5 ORE FA

Sullo stato d'animo differente da prima

"Può darsi, io non ho trovato aria di contestazione, ma indifferenza, che è peggio, molti non sentivano più legame col Napoli. In certi momenti sembravo da solo in credere in questo Napoli, oggi in Champions c'è il rammarico per non aver lottato fino alla fine, qualcosa è cambiato e mi sento meno solo. Sono molti di più che credono in questo Napoli, altrimenti riprendiamo le griglie di partenza della Champions fatte dai giornali. Volevo portarle all'ultimo, ma posso portarle ora. Dopo soprattutto che Sarri era andato alla Lazio e Mourinho alla Roma, ci mettevate settimi! Poi sono cambiate tante cose visto che speravano tutti nello Scudetto".

Conferma e ambientamento

"Vivere un hotel è un dedicarsi pienamente al lavoro, c'è più opportunità per socializzare in hotel rispetto alle mura domestiche. Ho trovato la soluzione: ho ricevuto il preventivo per un camper ed il prossimo anno girerò il quartiere ogni mese così partecipo a tutte le feste rionali. Una sosta la farò a Piazza Dante di fronte alla storica libreria Pironti, che non ho fatto in tempo e conoscere, con cui avrei fatto volentieri una partita a scacchi con lui. Ho iniziato a leggere un po' del suo libro, me l'ha indicato mio figlio che ha passione per il pugilato".

Sul Napoli che verrà

"Certo, c'è Giuntoli qui, parliamo tutti i giorni, guarda gli allenamenti. Noi si riuscirà ad essere forti se ci sono giocatori forti che pensano nella maniera giusta, con un comportamento professionale, anche con tifosi che ci sostengono perché sono importanti. Come un'informazione che ci rispetti e non che crei duemila dubbi ad arte, se si prendono tutte le cose di questa settimana non si fa in tempo... buttano la miccia per far scoppiare qualcosa. L'ambiente deve essere più pulito possibile. Serve tutto questo, dei passi in avanti si possono fare. Rinnovo? Se avete dubbi ditelo, io so solo che sarò certamente l'allenatore del Napoli il prossimo anno, pensare al terzo anno è troppo: qui ci sono novità tutti i giorni"

De Laurentiis: "Spalletti? Tecnico formidabile e persona seria"

Serie A
De Laurentiis: "Koulibaly è un simbolo: deve decidere se rimanerlo o meno..."
20 ORE FA
Calciomercato
Napoli, De Laurentiis su Koulibaly: "Spero resti ma non posso obbligarlo"
IERI A 11:30