Più forte dell’emergenza, più forte di un avvio da dimenticare, più forte della sfortuna. Il Milan con un secondo tempo epico ribalta il Verona, rimontando dallo 0-2 al 3-2 e, per una notte, si gode il primo posto solitario in campionato ma soprattutto la miglior partenza in Serie A dopo 8 giornate nell’era dei tre punti. Un successo ottenuto nonostante una rosa ridotta all’osso con un grande cuore e sfruttando anche risorse totalmente inattese come Samu Castillejo, ripescato dalla panchina e capace di guadagnarsi un preziosissimo rigore e un cross dal cui scaturito il goffo autogol di Gunter. Una vittoria che non può che conferire morale e rincuorare Stefano Pioli, che spera di avere notizie confortanti da Ante Rebic uscito con una contusione alla caviglia nel primo tempo e che si sottoporrà ad esami strumentali nelle prossime ore.
CLASSIFICA | CALENDARIO | MARCATORI | NOTIZIE
Nel primo tempo il Verona è stato più pronto di noi, siamo stati sfortunati sul rimpallo del primo gol. Noi ci abbiamo creduto, eravamo convinti a fine primo tempo. Ci siamo riusciti, è una grande prova di maturità. Le assenze? Dobbiamo avere continuità per essere sempre competitivi. Dobbiamo pensare ad una partita alla volta. Ora pensiamo alla Champions e poi penseremo alla prossima gara di campionato. Il club ha costruito una grande squadra. Anche con le assenze, posso mettere in campo sempre una squadra forte. Il merito è dell'area tecnica che mi ha messo a disposizione una grande rosa”.
Serie A
Milan da record! Miglior partenza di sempre nell'era dei 3 punti
16/10/2021 A 21:39

"Felice per Castillejo, è un esempio"

Castillejo? Deve essere preso da esempio. Le mie scelte lo hanno penalizzato, ma lui ha continuato a lavorare. Sono davvero felice per lui e sono contento che chi entra si fa trovare pronto. Calabria è un giocatore molto intelligente. Lui è nato come centrocampista e si vede. Cambiare posizione e smarcarsi è importante, lui è bravo a farlo. Anche Theo è bravo a fare certi movimenti. Nel primo tempo siamo stati poco dinamici, nel secondo tempo ci siamo mossi di più. Il ritorno di Ibra? Che la sua presenza sia importantissima lo sanno tutti. Non è ancora in condizione ottimale, spero che cresce e che stia bene fisicamente. Spero possa giocare tante partite. Come sta Rebic? Ante era molto dolente a fine primo tempo, ora non l’ho visto e non so dire”.

Olivier Giroud festeggia sotto la curva il gol con il Verona

Credit Foto Getty Images

Olivier Giroud (attaccante Milan)

"Dopo il primo tempo sapevo che la partita non era finita. Dovevamo mettere in campo più carattere. E' stata una grande emozione questa vittoria davanti ai nostri tifosi. Sono molto felice. La schiena va bene, sono felice di questo. La caviglia è un problema che ho da tanti anni, va bene così. Nella ripresa siamo entrati più cattivi. Nel primo tempo abbiamo perso troppi duelli. Dovevamo giocare con più aggressività e lo abbiamo fatto".

Milan, ecco Mirante: visite mediche e firma in giornata

Serie A
Milan-Verona 3-2, le pagelle: Leao spacca la partita
16/10/2021 A 21:06
Serie A
Milan, che rimonta al Verona: 3-2 spettacolo, torna Ibrahimovic
16/10/2021 A 20:46