Juventus-Sassuolo, match valido per la prima giornata di Serie A, è terminato sul punteggio di 3-0, frutto della doppietta di Dusan Vlahovic e della rete iniziale di Angel Di Maria. Una Juventus cinica, abile nel capitalizzare al meglio gli errori difensivi del Sassuolo e nel non concedere poi grandi occasioni agli ospiti, con Mattia Perin comunque protagonista di qualche bell'intervento utile a mantenere la porta inviolata. Gara arbitrata da Antonio Rapuano.
Qui di seguito i voti ai protagonisti della partita per capire l'andamento della gara e per un primo sguardo in ottica fantacalcio.
Serie A 2022-2023, la classifica aggiornata | Serie A 2022-2023, calendario e risultati | Serie A 2022-2023, la classifica marcatori aggiornata
Serie A
Allegri: "Juve ordinata e brava a non strafare. Milik? Sa giocare..."
IERI ALLE 06:20

Le pagelle della Juventus

Mattia PERIN 6.5 - Nel 1° tempo tre interventi preziosi, di cui uno scenico sul bolide di Ayhan. Nella ripresa salva di piede su Pinamonti. Sicuro nelle uscite, sempre pronto a farsi sentire dai compagni, pronto e reattivo tra i pali. Molto più di un vice-Szczesny, ma non serviva questa partita per scoprirlo.
DANILO 6.5 - Corsa, qualità, chiusure preziose. Sempre l'uomo in più per questa Juventus, anche al netto dell'arrivo di un fenomeno quale Di Maria. La chiusura sul tiro di Frattesi è la sintesi di quanto sia compatto il legame coi compagni e di come sia ormai leader assoluto dello spogliatoio.
Leonardo BONUCCI 6 - Presenza numero 477, al 7° posto all-time nella storia dei giocatori Juve e con la fascia da capitano al braccio. Gioca come sa, non forza nell'inventare ma non sbaglia praticamente nulla dietro.
BREMER 6.5 - Giganteggia su qualsiasi palla alta, recupera bene sugli errori dei centrocampisti e non soffre affatto il passaggio alla difesa a quattro. Lo attendiamo a banchi di prova più probanti, ma l'esordio è decisamente ok.
Alex SANDRO 6.5 - Rivitalizzato? Troppo presto per dirlo, visto che una buona prestazione non cancella la scorsa annata. Sulla sinistra ricorda però da vicino il giocatore acquistato dal Porto nel 2015. Assist per Di Maria, tanti buoni cross e anche un mezzo rigore procurato proprio a inizio gara. Promosso. (Dal 61' Mattia DE SCIGLIO 6 - Ordinato come sempre, ma la serata è di quelle decisamente agevoli visto che entra sul 3-0 e non deve poi fare granché).
Juan CUADRADO 6 - La scena se la prende tutta Di Maria, ma anche il colombiano è prezioso in diverse occasioni. Non debordante come nei suoi giorni migliori, però rimane un jolly di cui Allegri non può fare a meno. (Dal 61' Filip KOSTIC 6 - Entra tra un boato d'ovazione ed è protagonista di qualche buon cross che i compagni non riescono a trasformare. Sarà interessante vederlo titolare nelle prossime giornate).

Angel Di Maria esulta insieme a Dusan Vlahovic, Juventus-Sassuolo, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Denis ZAKARIA 6 - Senza lode e senza infamia. Non ha ancora la condizione dei giorni migliori e non produce quegli strappi che aveva fatto intravedere lo scorso anno prima dell'infortunio. Si accascia all'88', forse per un colpo subito, forse per l'ennesimo problema muscolare di questa sua esperienza alla Juve.
Manuel LOCATELLI 5.5 - Non è nel suo ruolo naturale ed è ormai chiaro, però alcuni errori potrebbero costare caro a tutta la squadra. L'arrivo di Leandro Paredes sembra ormai imprescindibile per poter riammirare il giocatore visto tra Sassuolo e Nazionale. (Dal 76' Nicolò ROVELLA S.V. - Allegri gli preferisce Miretti e gli concede solo l'ultimo quarto d'ora, sempre più in direzione Monza?).
Weston MCKENNIE 6 - Fa legna a centrocampo e mostra una buona condizione, anche se vanifica qualche buona ripartenza dei bianconeri sbagliando passaggi elementari. (Dal 76' Matias SOULÉ S.V.)
Angel DI MARIA 7.5 - Apre la Serie A della Juve con un gol da stropicciarsi gli occhi. Sfiora il 3-0 con una carezza e, dopo pochi secondi, recupera palla su erroraccio di Ayhan, imbucando per il tris a firma Vlahovic. Se questo è il buongiorno, figurarsi cosa può fare in questo campionato. Esce toccandosi però l'adduttore sinistro, non un bel segnale... (Dal 66' Fabio MIRETTI 6 - Si mette in mezzo al campo, permettendo a Locatelli di cambiare ruolo e non demerita affatto, anche se la partita non ha ormai più nulla da dire).
Dusan VLAHOVIC 7.5 - Si crea da solo tante occasioni, si arrabbia quando non viene servito in profondità e si procura un rigore che segna, sfogando rabbia e frustrazione prima di chiamare a raccolta i compagni nell'esultanza. Mentalità da grande attaccante, ma già si sapeva. Il 3-0 è apparecchiato da Di Maria, ma non realizzava una doppietta da tantissimo tempo.
All. Massimiliano ALLEGRI 6.5 - Partenza in sordina, ma poi partita giocata nello sfruttare al meglio le individualità che ha questa Juventus. Ha dichiarato che la sconfitta con l'Atletico sarebbe stata utile e un 3-0 all'esordio ufficiale potrebbe dargli ragione. Aspettiamo però partite più complicate, al netto di un cinismo che, almeno stasera, pare ritrovato.
+++

Le pagelle del Sassuolo

Andrea CONSIGLI 5.5 - Prende tre gol, ma è incolpevole su tutti, anche sulla traiettoria beffarda di Di Maria. Serata più complicata del previsto, considerando quanto mostrato dagli avversari in tutto il pre-campionato: non è chiamato a nessun intervento.
Mert MULDUR S.V. - La sua partita dura soltanto una manciata di minuti: si fa male in un contrasto in area con Alex Sandro, da molti giudicato irregolare, e lascia il campo in barella dopo pochissimo. (Dal 7' Jeremy TOLJAN 5.5 - A differenza dei compagni non commette errori marchiani, ma non riesce a garantire neppure ciò che forse avrebbe offerto il giocatore che va a sostituire).
Kaan AYHAN 5 - Il tentativo di passaggio in orizzontale che porta al 3-0 è un errore da matita rossa, che macchia una prestazione tutto sommato interessante, in cui vince anche qualche bel duello di fisico con Vlahovic.
Gian Marco FERRARI 5 - Concede il rigore con cui Vlahovic chiude sostanzialmente i giochi, lasciando che il centravanti della Juventus prenda posizione e, con malizia, lo costringa al fallo. Nella ripresa si destreggia meglio
ROGERIO 5.5 - Mostra le sue doti di sprinter soltanto all'80' e sbaglia tanto nel corso della partita.
Davide FRATTESI 6 - Uno dei più propositivi, almeno per quanto riguarda le occasioni create. Non ha oggi quello spunto che ha attirato su di lui l'interesse di tanti grandi club (Juventus inclusa), ma è uno dei più volitivi giocatori del Sassuolo. (Dall'80' Emil Konradsen CEIDE S.V.).
Matheus HENRIQUE 6 - Chiamato a sostituire lo squalificato Lopez, dovrebbe cucire le due fasi ma riesce a farlo soltanto a intermittenza. Qualche buon recupero e lampi in fase di interdizione, non merita l'insufficienza.
Kristian THORSTVEDT 5.5 - Non lega praticamente mai il gioco e non incide come potrebbe. (Dall'81 Abdou HARROUI S.V.).
Domenico BERARDI 6 - Nel 1° tempo è decisamente il più pimpante tra gli ospiti e crea tanto anche per i compagni. Si spegne però alla distanza, frenato nelle iniziative da uno 0-2 che puniva oltremodo il Sassuolo. Rimane, soprattutto quest'anno, giocatore chiave di questa squadra.
Gregoire DEFREL 5.5 - Ha una ghiotta occasione dopo pochi minuti, ma la sua spaccata volante - complicata, a essere onesti - non ha la forza necessaria per battere Perin. Per il resto non incide come forse avrebbe sperato Dionisi, che a inizio 2° tempo lo cambia. (Dal 46' Giacomo RASPADORI 5.5 - Insolitamente spento, se non fosse che sembra ormai un giocatore destinato a vestire la maglia del Napoli. Nei 45' giocati non incide però praticamente mai).
Georgios KYRIAKOPOULOS 5.5 - Gioca nel tridente d'attacco per "emergenza" e, con Rogerio, dovrebbe limitare la fascia bianconera, ma così non avviene. (Dal 59' Andrea PINAMONTI 6 - Ha una buona occasione, ma spara sui piedi di Perin. Poi poco altro, anche perché entra in un momento in cui la sfida è pressoché già finita).
All. Alessio DIONISI 6 - Deve fronteggiare l'emergenza delle tante assenze e il caso-Raspadori, ma non snatura l'idea di calcio tipica del Sassuolo delle ultime stagioni. Rinnega la scelta Defrel al centro dell'attacco dopo un tempo, ma è evidente che fosse dettata da motivi di mercato, e paga dazio soltanto per due disattenzioni individuali su cui i padroni di casa sono cinici.

Tutte le maglie della nuova stagione della Serie A

Serie A
Allegri: "Bello spirito, ma per lo Scudetto serve un passo alla volta"
IERI ALLE 21:10
Serie A
Juve-Bologna 3-0, pagelle: Vlahovic fa la differenza
IERI ALLE 21:00