Il colpo giallorosso a centrocampo dell'estate porta il nome di Georginio Wijnaldum. Lodato da Klopp nelle stagioni al Liverpool prima del PSG, da cui lo ha prelevato la Roma, il 31enne olandese porta tanta esperienza nei contesti internazionali, vantando nella bacheca personale una Champions League con i Reds, oltre a contare 86 presenze in nazionale. Ennesimo segnale di quanto la Roma voglia puntare in alto per questa stagione, con l'obiettivo dichiarato di tornare nell'Europa che conta. I Friedkin stanno fornendo alla guida di Mourinho una rosa molto forte e in queste ultime settimane di mercato non si vogliono fermare. Intanto però è stato il giorno della presentazione ufficiale del centrocampista olandese in conferenza stampa: "Sapevo di trovare un'atmosfera speciale perché ho già giocato all'Olimpico in Champions League, ma questo benvenuto mi ha davvero lasciato stupido e sbalordito" dichiara Wijnaldum.

Se giocherà dal 1' contro la Salernitana

Serie A
Il fuorigioco semiautomatico sbarcherà in Serie A da gennaio
UN GIORNO FA
Wijnaldum risponde subito alle domande in merito alla sua condizione: "Non ho fatto la preparazione fisica abituale in questa estate. La stagione scorsa ho giocato meno di quanto avrei voluto, ma questo non significa che io non abbia lavorato. Ho lavorato duro con il gruppo con il PSG e poi anche a parte. Mi sento pronto, preparato, ma dobbiamo vedere come si evolvono le cose nel corso della settimana. È difficile dire se potrò giocare già da domenica, ma da parte mia c'è disponibilità. Dovremo sentire il parere dei medici e poi sarà il mister a prendere la decisione"

Wijnaldum centrocampista perfetto? "Spero di esserlo per la Roma"

Klopp mi definisce centrocampista perfetto? Difficile da dirlo, lo stile del gioco del Liverpool mi si addiceva, forse per il Liverpool lo ero, ma ora vedremo se lo sarò anche in altri sistemi di gioco. Non può che far piacere ricevere un complimento così da un allenatore come Klopp. Ma non è automatico. La mia speranza è che sarò il centrocampista perfetto per la Roma.

Impressioni sulla società e la Serie A

Sono venuto qui per gli sforzi che il club ha fatto per avermi. Ho parlato con Salah e Strootman, del club e della città, ho sentito solo belle cose. Ho parlato anche con Hakimi, anche se lui giocava nell'Inter, me ne ha parlato benissimo. Conoscevo la Roma, una volta ci siamo sfidati col Liverpool, l'atmosfera all'Olimpico era spettacolare. Ci sono bellissimi tifosi, era una certezza che avevo. Ma, ripeto, la cosa che mi ha convinto di più è stato lo sforzo per avermi, mi sono sentito molto apprezzato. La Serie A un passo indietro agli altri campionati esteri? Difficile da dire, la mia opinione è che la Premier è la più competitiva in cui abbia mai giocato, ma devo giocare in Italia prima di commentare.

Wijnaldum arriva a Roma: bagno di folla e cori per lui

Sul ruolo

Ci sono tanti buoni giocatori qui, prima mi si chiedeva del centrocampista perfetto, per come intende giocare la Roma penso che le mie qualità si adattino bene al gioco del club. E viceversa. Serve fare sia fase offensiva che difensiva. Cose che sono abituato a fare, e dove serve un'ottima condizione fisica. Spero che il nostro possa essere un incastro perfetto.

Sugli obiettivi

La cosa più importante è partite bene, essere regolari e crescere durante la stagione, dove spesso affronti difficoltà, tra partite giocate bene o male, vittorie e sconfitte, infortuni. L'importante è iniziare bene e avere costanza. Il Mondiale invernale creerà uno stop di un mese, penso che renderà le cose ancora più complicate, ma non sarà impossibile.

Su Mourinho

Ci siamo sentiti quando la trattativa era già avanzata, non ha dovuto insistere. Mi ha ringraziato per il mio interesse verso la Roma. Quando sono arrivato abbiamo parlato di calcio, quello che ha fatto nel mondo del pallone è incredibile. Tutti vogliono lavorarci insieme. Quando mi ha parlato è scattata la voglia di venire in questo club, già molto forte.

Sul clima interno alla Roma

Sono una persona timida, ma questo calore mi ha sorpreso. Il giorno in cui sono arrivato in hotel e poi ho raggiunto la squadra al ristorante ho subito avuto buonissime sensazioni, anche loro hanno dimostrato di essere contenti che io fossi lì. Sentirsi subito ben accolto è importante per un giocatore. Ho fatto una sorpresa a loro, perché non sapevano che li avrei raggiunti a cena. Sono stati subito tutti disponibile e cordiali, stesso discorso anche in allenamento. Le sensazioni sono davvero molto buone.

Calcio360: Wijnaldum-Roma, le cifre reali

Serie A
San Siro, nuovo ricorso al Tar contro l'abbattimento
IERI ALLE 10:35
Serie A
Le date della nuova stagione: si parte il 20 agosto 2023
24/11/2022 ALLE 12:54