Il Südtirol inizia la propria storica avventura in Serie B col piede sbagliato. Il club di Bolzano, infatti, si approccia al campionato cadetto in mezzo alle polemiche, causate dal fatto che i tifosi di lingua italiana rivorrebbero che la società avesse il nome bilingue com'era fino a qualche anno fa, ossia Südtirol - Alto Adige. La vicenda viene raccontata dall'agenzia AGI.
Secondo quanto si riporta, infatti, sarebbe stata la "Gradinata Nord Bolzano", composta da sostenitori che hanno l'italiano come lingua primaria, a lamentarsi della questione, asserendo: "Il nome Südtirol non ci rappresenta".
Un tempo, come detto, il club si chiamava FC Südtirol - AltoAdige, ma col tempo la dicitura italiana aveva subito una progressiva soppressione quando si nominava la squadra, fino a spingere il club a registrare soltanto il nome tedesco, che è quello che appare nel logo insieme al nome bilingue della città "Bolzano - Bozen". Torna quindi la consueta diatriba che tocca questa parte del Triveneto: per chi è di matrice tedesca la zona è la parte bassa dello stato federato austriaco del Tirolo, per chi è di matrice italiana si tratta invece della parte alta del corso del fiume Adige, che bagna le città altoatesine Merano e Bolzano, per poi attraversare le trentine Trento e Rovereto, e infine sconfinare in Veneto per tagliare Verona e Rovigo.
Serie B
Pecchia lascia la Cremonese dopo la A: "Ho bisogno di energie"
3 ORE FA
Benché per gli autoctoni la questione sia comprensibilmente molto sentita, il resto dell'Italia, ormai lontana dalle influenze sociali e culturali postbelliche, è abituata a fare diventare idoli campioni dello sport come Armin Zöggeler, Carolina Kostner, Dorothea Wierer, Dominik Paris e Jannik Sinner.

Numero di Sinner! Drittone vincente e aizza il pubblico

Serie B
Larrivey manda in estasi Cosenza: 2-0 al Vicenza e Lupi salvi
16 ORE FA
Serie B
Il Monza ipoteca la finale: 2-1 a Brescia con doppio Gytkjær
18/05/2022 A 20:14