Da paladino a possibile traditore. Il primo ministro britannico Boris Johnson è stato fra i più accaniti oppositori della Superlega e fra i primi a esporsi contro l'iniziativa dei 12 club secessionisti. Ma secondo il "Guardian", la sua posizione iniziale sarebbe stata ben diversa tanto che, una decina di giorni prima dell'annuncio, avrebbe dato l'impressione di essere favorevole durante un incontro con Ed Woodward, ormai ex vicepresidente esecutivo del Manchester United. Poi, al momento della nascita ufficiale della Superlega, il cambio di direzione sul quale gli avversari politici ora pretendono spiegazioni. Jo Stevens, fra gli esponenti più di spicco del Partito Laburista, ha chiesto che Johnson faccia chiarezza sugli argomenti affrontati con Woodward e se ci siano stati altri membri del governo che hanno avuto modo di confrontarsi con altri club che avevano aderito al progetto: "Se Johnson ha appoggiato la Superlega e poi ha dato una spallata al progetto, allora il popolo britannico merita una completa, chiara e immediata spiegazione". Da Downing Street, però, si affrettano a precisare che il premier non era a conoscenza del progetto e che la chiacchierata con Woodward è stata breve e casuale.

Ceferin: "Perez presidente del nulla, Superlega mai esistita"

Superlega, altri dettagli sul naufragio

Calciomercato
Il Chelsea alza l'offerta: Casadei sempre più vicino
17 MINUTI FA
Dall'Inghilterra emergono anche altri dettagli sul come la Superlega sia naufragata. Per esempio il mancato accordo sulle "wild card": le società della Premier avrebbero voluto che passassero da cinque a nove perchè fosse una competizione "piu' aperta", rivela il "Mail", ma gli altri soci fondatori non erano d'accordo. E anche l'ammissione dell'Atletico Madrid non sarebbe stata ben vista dagli inglesi: stando a "Cadena Ser", i Colchoneros non erano giudicati idonei a far parte della Superlega perchè a livello di seguito fra media e social non avevano numeri all'altezza delle altre squadre.

Gravina: "Superlega? Chi ne fa parte fuori dalle nostre competizioni"

Primera A
Milito e il dialogo surreale col tifoso: "Chi vuoi sostituisca?"
42 MINUTI FA
Premier League
Tuchel ci ride sopra: "Con Conte niente di male, ci siamo solo scaldati un po'"
2 ORE FA