Anche i migliori, alle volte, inciampano. È il caso di Rui Costa che, dopo anni passati a portare in giro per il mondo la propria classe da gentiluomo, è capitato in un passo falso. L'attuale direttore sportivo del Benfica è stato infatti squalificato sino al termine della stagione per aver rivolto affermazioni lesive nei confronti dell'arbitro del match tra la sua squadra e il Maritimo.

Strano ma vero, solo qualche giorno fa l'ex milanista si era distinto per una presa di posizione netta in difesa del connazionale Pepe, difensore del Real Madrid squalificato per 10 giornate dopo aver preso a calci Casquero del Getafe. "Non si può sempre dare il buon esempio sul campo – aveva detto Rui Costa – A volte la pressione ci porta a commettere errori che vengono demonizzati".

La Liga
Pepe, niente sconti: stop di 10 giornate!
24/04/2009 A 16:38

Che abbia voluto mettere le mani avanti? A giudicare da quanto accaduto nell'ultimo weekend verrebbe da dire proprio di sì. Rui Costa non ha digerito l'arbitraggio e si è fatto sentire con toni molto duri. Al punto che la Commissione Disciplinare della lega lusitana lo ha stangato con il bando da tutti gli stadi sino al termine della stagione.

Il Benfica, secondo cui il ds avrebbe solamente manifestato il proprio disappunto senza uscire dal seminato, ha già fatto ricorso. Ma intanto la macchia resta. Anche se, da qui a dire che l'immagine del Rui Costa gentiluomo sia scalfita, ne passa di strada.

La Liga
Pepe "Non ho più voglia di giocare"
23/04/2009 A 08:07
La Liga
Pepe il "pazzo" perderà il Clasico
22/04/2009 A 10:01