L’ultima partita del girone di Conference League mette di fronte CSKA Sofia e Roma. I bulgari sono già matematicamente eliminati, con l'ultimo posto nel girone e un solo punto raccolto in cinque gare. José Mourinho prova a pensare positivo, parlando a SkySport.
"Domani dobbiamo andare lì e vincere, se il Bodo vince vince e siamo secondi, andiamo ai playoff a febbraio. Dobbiamo andare seri, sappiamo delle difficoltà che abbiamo e sappiamo che ogni giocatore che perdiamo è un disastro. Ci sarà un metro di neve, sarà difficile. Qualcuno deve risposare per forza, Rui, Mkhitaryan, Smalling non viaggiano con noi. Andiamo con il miglior gruppo possibile per cercare di vincere la partita"
UEFA Europa Conference League
Bagno di folla per il pullman della Roma
8 ORE FA

Siamo uniti e tranquilli

"Quello che vogliamo dare ai tifosi è diverso dai risultati che abbiamo. Ma una cosa è troppo ovvia: i tifosi sono veri romanisti, a loro non interessa vincere o non. E' più facile tifare una squadra quando vince sempre. Dall'inizio sapevamo ciò che ci aspettava, non ci aspettavamo tanti problemi insieme. In una rosa che si inizia a costruire ci aspettavamo le difficoltà ma Covid, infortuni e squalifiche tutti insieme è troppo e lo è quando affronti l'Inter. Sono più forti di noi, in quella situazioni erano molto più forti di noi. Per questo siamo sempre uniti e tranquilli, vogliamo vincere questa partita ma dobbiamo anche avere paura di tutte queste situazioni, quinid Rui che gioca sempre, Smalling che viene da un infortunio importante e Mkhitaryan che non è giovanissimo e ha giocato in un ruolo che esige tanto, questi tre devono per forza rimanere a casa".

Abbiamo qualità, ma quante partite

"Abbiamo la squadra per competere con le più forti tipo Tottenham e Rennes, ma anche con chi arriva dall'Europa League. Il problema è che dobbiamo giocare da gennaio a fine maggio 3 competizioni ed è difficile dire come arriveremo ad una determinata partita. E' la differenza tra squadra e rosa. Guardando Inter, Milan, Juve e Napoli sono squadre di grande potere, in Conference non ci sono più squadre piccole di paesi piccoli. Ci saranno squadre importanti, che arrivano anche dall'Europa League, ad esempio domani una tra Napoli e Leicester, e mi auguro il club inglese, scenderà in Conference. Con al rosa che abbiamo dobbiamo andare di partita in partita e pensare che sia sempre la più importante"

CSKA Sofia-Roma: le probabili formazioni

CSKA Sofia (4-2-3-1): 1 Busatto; 18 Mazikou, 28 Galabov, 2 Mattheij, 19 Turitsov; 30 Wildschut, 29 Lam, 24 Muhar, 10 Yomov; 8 Carey, 14 Krastev. All.: Mladenov
ROMA (3-4-1-2): 1 Rui Patricio; 23 Mancini, 24 Kumbulla, 3 Ibanez; 2 Karsdorp, 4 Cristante, 17 Veretout, 5 Vina; 77 Mkhitaryan; 9 Abraham, 22 Zaniolo. All.: Mourinho

Il Triplete dell'Inter di Mourinho? Tutto nacque dal ko col Catania

UEFA Europa Conference League
Le accuse di media e tifosi olandesi: "Abraham antisportivo"
12 ORE FA
UEFA Europa Conference League
Apoteosi Roma: in 3mila ad attendere la squadra a Fiumicino
20 ORE FA