José Mourinho c'è riuscito anche nella Città Eterna. Alla sua prima stagione a Roma, lo Special One è riuscito a fare la storia vincendo subito un trofeo internazionale, l'edizione d'esordio nel proscenio europeo della Conference League, che tanto rimanda alla cara, vecchia Coppa delle Coppe, chiusa nel 1999 dal successo della Lazio. 12 anni dopo la leggendaria Champions League vinta con l'Inter del Triplete, una squadra italiana torna a vincere una Coppa Europea, la neonata Conference League, che arriva 50 anni dopo la Coppa Anglo-Italiana vinta nel lontano 1972 e 61 anni dopo la Coppa delle Fiere, l'antenata della Coppa UEFA, vinta contro il Birmingham.
"Finora sono stato fortunato vincendo tutte le mie finali europee: i miei giocatori hanno dato il meglio nelle finali che abbiamo raggiunto. Nel momento della verità, si sono fatti trovare pronti", aveva dichiarato il tecnico lusitano ai microfoni di Uefa. com. Una frase che può tranquillamente restare intatta ora che la Lupa ha alzato il suo primo trofeo UEFA della sua storia. Mourinho, insomma, al primo tentativo è riuscito a portare i colori giallorossi dove nessuno era mai riuscito.
UEFA Europa Conference League
Roma-Leicester 1-0, pagelle: Abraham e Zalewski, che partita!
05/05/2022 ALLE 21:12

José come il Trap, unici a vincere 5 trofei europei

Mourinho con questo successo storico (il 26° nella sua leggendaria carriera), diventa il secondo allenatore a capace di vincere cinque grandi titoli europei dopo Giovanni Trapattoni, con il portoghese che ha trovato il successo in UEFA Europa Conference League coi giallorossi, in Champions League (con Porto ed Inter) e in Coppa UEFA/Europa League (Porto e Manchester United). Mourinho proprio come il Trap, diventa anche il secondo allenatore a riuscirci vincendo almeno un trofeo UEFA in tre differenti decenni (2000-2010, 2011-2020, 2021-2030).
  • Gli allenatori più vincenti della storia del calcio: Mou a quota 26 trofei, aggancia Jock Stein, e sul podio dei tecnici più trofei in bacheca in attività
1. Alex Ferguson 49
2. Mircea Lucescu35
3. Pep Guardiola32
4. Valery Lobanovsky28
5. José Mourinho26
6. Jock Stein 26
7. Ottmar Hitzfield25
8. Carlo Ancelotti22

Mou, oltre Nils Liedholm e Ottavio Bianchi

Ce l'aveva quasi fatta Nils Liedholm, in quel 30 maggio del 1984: quella serata casalinga dell'Olimpico, tanto emozionante quanto dolorosa con l'1-1 in quella finale di Coppa dei Campioni, poi persa ai rigori per via degli errori dal dischetto di Bruno Conti e Ciccio Graziani. "Notte di sogni di Coppa dei Campioni" cantati anche da Antonello Venditti (presente a Tirana) in "Notte Prima degli Esami", incisa nel marzo di quell'anno, quando la Roma stava eliminando ai quarti di finale i tedeschi dell'Est della Dinamo Berlino.

Roma-Liverpool 1984

Credit Foto Imago

Poi l'incredibile rimonta contro gli scozzesi del Dundee United (0-2 all'andata, 3-0 al ritorno davanti ai propri tifosi), prima dell'atto conclusivo, in cui il lieto fine non è arrivato, sotto l'ipnosi praticata da "Spaghetti Legs" Bruce Grobbelaar. Non v'era riuscito nemmeno Ottavio Bianchi, nella finale (l'ultima, internazionale, per la Roma, prima di quella di Tirana) contro l'Inter di Giovanni Trapattoni, impostasi nelle gare di andata e ritorno. Altri tempi, decisamente. In cui il calcio italiano dominava ovunque.

Jürgen Klinsmann (Inter) e Sebastiano Nela (Roma) sotto gli occhi di Rudi Völler (Roma) nella doppia finale di Coppa Uefa 1990-91 (Imago)

Credit Foto Imago

Quel tocco magico di José

Tornando allo Special One, Escluse le Supercoppe europee, Mou è arrivato in finale cinque volte con quattro squadre diverse: Porto, Inter, Manchester United e Roma. Ebbene, ha sempre vinto. Mister 100%. Un autentico tocco magico: condusse il Porto a vincere la Coppa UEFA nel 2003 con una finale incredibile contro il Celtic, vinta 3-2 ai supplementari e l'anno successivo realizzò qualcosa di magico l'anno dopo, portando la stessa squadra portoghese vincere la Champions League dei rimpianti per tante big europee. Quel Porto eliminò Manchester United, Olympique Lione, Deportivo la Coruña e poi in finale batté il Monaco di Deschamps. Quasi un miracolo per la squadra portoghese che di certo non partiva con i favori del pronostico.
https://i.eurosport.com/2018/09/21/2423815.jpg
Non gli riuscì lo stesso schema col Chelsea, ma poi ci provò e vinse con l'Inter in un congiuntura in cui i nerazzurri non erano in prima fila per la vittoria della Champions. Prima il Chelsea agli ottavi, poi il CSKA Mosca ai quarti, il Barcellona di Guardiola in semifinale e poi la memorabile vittoria di Madrid contro il Bayern Monaco. L'ultima competizione vinta da Mou, infine, è stata l'Europa League del 2017 col Manchester United quando batté un giovane e temibile Ajax. 2-0 il risultato finale nonostante lo United fosse privo di Ibrahimovic infortunato grazie alle reti di uno strepitoso Pogba e dell'attuale centrocampista della Roma Mkhitaryan.

José Mourinho in trionfo, è il primo allenatore a vincere tutti i trofei europei

Credit Foto Getty Images

Tutte le finali europee di Mou

CompetizionePartita
Coppa UEFA 2003Porto-Celtic 3-2 dts
Supercoppa 2003Milan-Porto 1-0
Champions 2004Porto-Monaco 3-0
Champions 2010Inter-Bayern 2-0
Supercoppa 2013Bayern-Chelsea 7-6 dcr
Europa League 2017Man United-Ajax 2-0
Supercoppa 2017Real-Man United 2-1
Uefa Conference League 2022Roma-Feyenoord 1-0

Tabù Supercoppa

Mou ha dunque sempre vinto le finali europee disputate, tranne le Supercoppe. Perse col Porto - post Coppa UEFA - contro il Milan con Shevchenko a regalare un trofeo europeo in più ad Ancelotti. Non disputò invece la Supercoppa europea dopo la vittoria della Champions perché si era già trasferito al Chelsea. Idem con l'Inter: dopo la vittoria della Champions volò il giorno dopo in direzione Madrid. Tornò al Chelsea nel 2013 e disputò subito la Supercoppa per lui, ma la perse contro il Bayern di Guardiola. 2-2 pirotecnico con gol di Ribéry e Fernando Torres, poi di Hazard e Javi Martínez ai supplementari. Ai rigori fu decisivo l'errore di Lukaku. Si giocò la Supercoppa anche col Manchester United dopo l'Europa League vinta, ma fu sconfitto 2-1 dal Real Madrid. Un autentico tabù, al pari della FA CUP in Inghilterra...
Le altre finali perse
  • Chelsea-Manchester United 1-0 (FA CUP 2018)
  • Arsenal-Chelsea 1-0 (Community Shield 2015)
  • Real Madrid-Atletico Madrid (Copa del Rey 2013)
  • Barcellona-Real Madrid (Supercoppa di Spagna 2012)
Bilancio complessivo finali nazionali/internazionali (18/26)

Mourinho: "Questa finale è per la gente: sono meno egocentrico"

UEFA Europa Conference League
Ruggito di Abraham: 1-0 al Leicester e la Roma è in finale!
05/05/2022 ALLE 18:42
Champions League
Guardiola e la maledizione Champions: speso 1 miliardo senza mai vincerla
05/05/2022 ALLE 12:40