Tutta la soddisfazione di Lorenzo Insigne al termine della sfida contro la Bosnia vinta dagli azzurri per 0-2:

"Sapevamo che oggi era una partita difficile e con tanti problemi, siamo stati bravi ad arrivare pronti e carichi. È stata una gran prova di mentalità, impostiamo sempre il nostro gioco. Noi stiamo dando tutto, questa maglia è importante e si indossa con orgoglio".

UEFA Nations League
Le pagelle di Bosnia-Italia 0-2: Insigne, che show
18/11/2020 A 22:02

Il ringraziamento a Gattuso

"Mi sta dando molto, bisogna sempre migliorare. Tutto lo staff della nazionale ci mette in condizione di fare bene, ci stiamo impegnando ed è giusto che sia così. Il mister mi ha aiutato tanto dal punto di vista fisico, non ho mai avuto buoni rapporti con la piazza di Napoli, ma loro credono in me. Io non ho mai dato quello che sto dando".

Non ho mai avuto buoni rapporti con la piazza di Napoli, ma loro credono in me

Tra i migliori tra le fila degli azzurri anche Nicolò Barella, intervenuto ai microfoni di Rai Sport dopo il triplice fischio:

"Come dico sempre mi metto a disposizione della squadra, abbiamo creato un bellissimi gruppo e a centrocampo ci troviamo bene, io penso più agli inserimenti invece gli altri fanno più gioco".

E sull'importanza di Conte nella sua crescita...

"Mi ha aiutato a scegliere i momenti della partita e a essere più ordinato. Lo ringrazio tanto, così come ringrazio Mancini che mi ha sempre dato fiducia. Do sempre il massimo in campo".

Al termine della sfida, anche il CT Roberto Mancini è voluto intervenire ai microfoni di Rai Sport per fare i complimenti ai propri ragazzi:

"Sarà sicuramente un bellissimo appuntamento, arriverà dopo gli Europei e ci farà molto piacere. Abbiamo delle buone possibilità di fare bella figura e cercheremo di farla. Devo solo che ringraziare i ragazzi, lo staff e i ragazzi che oggi non c'erano ma hanno comunque contribuito".

Abbiamo delle buone possibilità di fare bella figura e cercheremo di farla. Devo solo che ringraziare i ragazzi

Il ct: "Bastoni può essere nuovo Chiellini"

Per la seconda partita consecutiva pur in assenza di Leonardo Bonucci, la Nazionale non ha subito gol con la coppia Acerbi-Bastoni, e proprio per l'interista il ct Mancini ha parole di grande apprezzamento.

"Bastoni? Ha fatto tre partite in una settimana da titolare, sta facendo molto bene. Può essere il nuovo Chiellini o il nuovo Bonucci. In Italia ci sono giovani bravi e sempre più allenatori li stanno facendo giocare. Dura fare la lista dei 23? Era già difficile scegliere i 23 giocatori per l'Europeo prima, ma dopo questi 4-5 mesi lo sarà ancora di più. Molti si sono messi in luce. Sono stati bravi i giocatori. Noi non lavoriamo sulla parte atletica, ma solo tecnico-tattica. E così si è creata un'identità. Noi dobbiamo avere un tipo di gioco da grande squadra".

Mancini ha anche brevemente parlato del rinnovo di contratto ("Non è un problema, ce l'ho fino al Mondiale") ed è anche tornato sulla famosa vignetta negazionista postata sui social e che ha attratto un vespaio di polemiche qualche settimane fa.

"Io avevo postato solo una vignetta che faceva ridere, ma in Italia si strumentalizza tutto, tanto. Il mio dispiacere è che la squadra gioca così bene ma non può essere seguita per quello che sta succedendo. Abbiamo perso tante persone per il coronavirus, soprattutto anziane, che ci hanno messo al mondo. E questo mi rattrista".

Loew: "Non siamo scesi in campo, non c'è niente da salvare"

UEFA Nations League
L'Italia vola alla Final Four! 2-0 in Bosnia
18/11/2020 A 21:36
UEFA Nations League
Mancini: "Dopo 70-80 anni è cambiata la percezione sull'Italia"
04/12/2020 A 10:27