"Non sono orgoglioso di ciò che ho fatto, della testata a Marco Materazzi, l'ho già detto. Ma fa parte del viaggio della propria vita, non si può cambiare il passato". Zinédine Zidane, all'alba dei suoi 50 anni (che compirà il prossimo 23 giugno), ha rilasciato una lunga intervista a TeleFoot, ripercorrendo le tappe della sua carriera e tornando anche sui temi del Mondiale 2006, vinto dall'Italia di Marcello Lippi.
Zizou, alla televisione transalpina, ha quindi aggiunto: "Nella vita di qualsiasi persona, non tutto è fatto alla perfezione. Il calcio rigore col cucchiaio in finale? È stato tecnico, certamente, ma non una follia. Dovevo fare quello: se è una cosa che ho fatto è perché dovevo farla. Avrei potuto sbagliarlo, certamente. Eravamo al settimo-ottavo minuto, c'era tanto tempo davanti a noi, avevo pochi secondi per scegliere come calciarlo e di fronte avevo un portiere che mi conosceva alla perfezione come Gianluigi Buffon. Bisognava inventarsi qualcosa di originale".
Champions League
Da Modric, Redondo, Zidane a CR7: i 20 colpi di genio
13/04/2022 ALLE 14:09

Vent'anni fa Corea-Italia: quando Byron Moreno ci fece piangere

Calciomercato
Zidane al PSG l'anno prossimo? Sì, ma solo con Cristiano Ronaldo
07/02/2022 ALLE 16:06
Serie B
Cittadella-Pisa, che spettacolo! Buffon e Fabregas rinviano l'esordio
14/08/2022 ALLE 21:08