Piotr Zieliński, centrocampista del Napoli e della nazionale polacca, questa volta si rende protagonista fuori dal campo. Il giocatore classe 1994 viene messo in luce dal “The Guardian” in un lungo reportage che racconta come la storia della sua infanzia e di come il calciatore ha cuore i bambini meno fortunati.
"Era sempre sensibile. I suoi genitori gestiscono una famiglia affidataria dal 2015, ma già dal 2002 hanno aiutato i bambini provenienti da un contesto difficile. Per 13 anni, i genitori di Piotr si sono presi cura dei bambini nella loro casa a Zabkowice Slaskie, a poco più di 60 km a sud di Wroclaw, nel sud-ovest della Polonia. Nei primi mesi del nuovo lavoro dei suoi genitori, il piccolo Piotr non poteva accettarlo. Aveva otto anni ed era semplicemente geloso del fatto che uno 'straniero' vivesse nella sua stanza. Attaccò note di carta sui mobili: 'il mio guardaroba', 'la mia scrivania'. Ha firmato giocattoli in modo che le persone sapessero che erano suoi. Oggi Boguslaw Zielinski ride ricordando la reazione di suo figlio quando ha visto una delle ragazze fumare una sigaretta. 'Era decisamente terrorizzato. Fin da piccolo era un ragazzo sensibile. Avevamo paura che sarebbe stato in grado di gestire tutto in futuro. Che la sua gentilezza avrebbe avuto un effetto negativo sulla sua carriera"
Il racconto prosegue: "Il giovane Piotr si avvicinò gradualmente ai suoi 'fratelli temporanei' e iniziò ad aprirsi. Li invitò a giocare a calcio insieme. Si allenava spesso in cortile con un ragazzo che aveva una contrattura alla gamba. Il futuro calciatore ha dato il suo cuore ai bambini nel suo stile: in silenzio, senza il desiderio dell'attenzione dei media. Con i suoi soldi ha acquistato due case nella zona di Zabkowice, che la famiglia ha ristrutturato e trasformato in orfanotrofi sotto l'associazione 'Peter Pan' – un titolo derivato dal nome del figlio. Se torna in Polonia va a trovare i ragazzi, gioca a calcio con loro. Inoltre regala apparecchiature elettroniche che non usa: un laptop, una console di gioco o un tablet. Alla prima comunione di uno dei bambini, non si è presentato nessuno della famiglia. Piotr è venuto dall'Italia per far piacere al ragazzo'.
Copa America
Perla di Messi, poi Vargas: 1-1 tra Argentina e Cile
2 ORE FA

Napoli, il meglio di Spalletti in 200": fra testate e frecciate

Euro 2020
Spagna-Svezia 0-0, le pagelle: Olsen pigliatutto, Morata spreca
3 ORE FA
Calciomercato 2020-2021
Le 5 trattative che vi siete persi oggi (14/06)
4 ORE FA