L’Italia torna ad avere una rappresentante nel K1 200 femminile alle Olimpiadi. A Szeged, in Ungheria, è il momento della vita di Francesca Genzo:la ventisettenne triestina ottiene il pass per Tokyo 2021 con il secondo posto nella finale del preolimpico che si svolge in acque magiare. Dopo aver chiuso le batterie al primo posto nel pomeriggio di ieri, Francesca chiude al secondo posto la finale che regalava due pass per il Giappone: irraggiungibile la britannica Deborah Kerr, che ha chiuso in 42.23, ma l’azzurra, con il tempo di 43.11 ha resistito strenuamente all’arrivo al fotofinish con la russa Natalia Podolskaia, che ha fermato il cronometro a 43.29.
Molto lontane le altre: il quarto posto chiude la francese Vanina Paoletti (44.19), seguita dalla svedese Moa Wikberg (44.37), la slovacca Lisa Maria Gamsjager (44.47), la bulgara Olimpiya Dusheva(45.59), l’irlandese Jennifer Egan(45.63) e la croata Anamaria Govorcinovic della Croazia, ultima a 45.71. Per il movimento azzurro si colma un buco durato nove anni: a Rio de Janeiro nessuna imbarcazione italiana riuscì a qualificarsi. Le ultime nostre rappresentanti ai Giochi Olimpici erano state Josefa Idem nel K1 500, che chiuse al quinto posto, e la siciliana Nurma Morabito, che venne eliminata nella prima batteria del K1 200 femminile.
Tokyo 2020
Doppio impegno per i canoisti azzurri Genzo e Burgo
15/07/2021 A 20:31

Alla scoperta dei talenti della canoa: gli atleti da tenere d’occhio

Tokyo 2020
SPORT EXPLAINER: Canoa Slalom
08/07/2021 A 18:08
Tokyo 2020
SPORT EXPLAINER: Canoa Sprint
08/07/2021 A 17:31