Il prossimo 10 Dicembre i due responsabili del furto delle 22 biciclette azzurre ai Mondiali di Roubaix si presenteranno davanti al Tribunale di Lilla. I malviventi avevano commesso il furto la notte tra il 22 e il 23 ottobre ed erano riusciti ad impossessarsi anche delle Bolide Pinarello del quartetto di Filippo Ganna. Un bottino quantificabile a circa 400.000 euro che ovviamente aveva suscitato tutto il disappunto del team azzurro (e non solo).
La refurtiva è stata poi ritrovata una settimana dopo in Romania nel corso di una operazione di polizia. Ora i due ladri, un 20enne bosniaco e un 18enne francese (di origini bosniache) rischiano a una condanna fino a 7 anni di prigione con l'aggravante di essere anche recidivi secondo le ultime fonti investigative. Entrambi avrebbero ammesso il coinvolgimento nella vicenda già quando furono fermati lo scorso 3 novembre a Besancon.
Ciclismo su Pista
Villa: "Se Ganna vorrà battere il Record dell'Ora, lo aiuterò"
30/12/2021 A 15:19

La polizia romena ritrova le bici da pista rubate a Ganna e compagni

Ciclismo su Pista
Fidanza operata al cuore: "Tutto è andato bene"
16/12/2021 A 20:54
Ciclismo su Pista
Da Pistard ad astronauta alla NASA: la strana storia di Christina Birch
11/12/2021 A 18:30