I Mondiali di Roubaix sono ormai alle spalle, con l'oro di Elia Viviani ad impreziosire una rassegna già ottima per i colori azzurri visto le 10 medaglie complessive (record di sempre). Per molti, quasi tutti, la stagione si è ormai conclusa anche se fra qualche giorno comincerà la nuova UCI Track Champions League (tutto quello che c'è da sapere sulla competizione che potrete vedere su Eurosport Player e Discovery+). Il ct Marco Villa ha fatto un po' il bilancio della stagione 2021, anche considerando le Olimpiadi, e ha voluto fare i complimenti allo sprinter veronese. Tornato a vincere pesantemente quest'anno - dopo qualche anno a vuoto - per il classe '89, il titolo iridato nella corsa ad eliminazione è stata la degna conclusione di un ciclo vincente, fatto partire proprio da Viviani. Nel 2012, alle Olimpiadi di Londra, c'era un solo corridore iscritto: Viviani. Gli altri? Semplicemente non esistevano. Ecco che è giusto dare un peso importante alle prestazioni del corridore della Cofidis che ha permesso tutto ciò. Da quest'anno comincia, si spera, un nuovo ciclo e il ct è convinto che questa Italia potrà essere faro e punto di riferimento dell'intero movimento internazionale.
| Il medagliere completo | Il programma gare | I premi in denaro del Mondiale |

Che dire di Viviani

Mondiali
Prima di Ganna c'era Viviani, colui che ha rifondato la pista italiana
25/10/2021 A 20:52
Era giusto che fosse lui a conquistare l’ultimo oro, per quest’anno, sia ben inteso. Se non ci fosse stato Viviani, che per noi è il Profeta della pista, non ci sarebbero stati neanche Filippo Ganna, Jonathan Milan, Simone Consonni, Liam Bertazzo e via elencando, fino a Manlio Moro

Viviani Campione del mondo: Leitão ko, rivivi l'ultimo duello

Viviani indossa la sua prima maglia iridata: rivivi la premiazione

Un corridore che ha cambiato la pista italiana

Da noi c’è sempre stata la cultura della specializzazione. Elia ha sfatato questo tabù. Ha fatto capire che la multidisciplinarietà era un’opportunità tecnica, ma anche psicologica, per rompere certi meccanismi, per mettersi in gioco con qualcosa di nuovo e quindi anche di 'giocare', cercando di non intossicare la testa e le gambe

Viviani, vittoria al bacio: giro di pista con la bandiera e poi dalla sua Elena

L'Italia migliore di sempre

Solo dieci anni fa eravamo considerati poca cosa, davvero una cenerentola dei velodromi, adesso possiamo dire che siamo considerati un po’ da tutti. È l’Italia migliore di sempre. Non ci sono paragoni da fare, non siamo mai stati così competitivi. Adesso l’asticella si è alzata e anche di molto. Ci saranno tante attese e dovremo lavorare ancora di più per non deluderle. Io sono orgoglioso come non mai di essere la guida di un gruppo giovane e forte

La volata del Profeta! Rivivi il bronzo di Viviani nell'Omnium

Mondiali
Pagellone: Viviani, Paternoster, i quartetti; Italia fantastica
25/10/2021 A 15:09
Mondiali
Viviani: "Un titolo che fa la storia. Obiettivi? Parigi"
25/10/2021 A 03:02