L'impresa è storica, di quelle che restano negli annali. Perchè se dall'Italia dell'inseguimento a squadre maschile ci si aspettava molto, un epilogo così va onestamente ogni più rosea previsione. Filippo Ganna, Simone Consonni, Francesco Lamon e Jonathan Milan sono i nuovi campioni olimpici della disciplina, per un oro che mancava da Roma 1960. La vittoria in rimonta sulla Danimarca è già leggenda, così come il record del mondo battuto per la seconda volta in due giorni. Ma andiamo a scoprire qualcosa di più sui protagonisti di questa prestazione da sogno.

ITALIA, ORO DA SOGNO CON RECORD DEL MONDO! RIVIVI L'ARRIVO

Filippo Ganna

Tokyo 2020
Il ciclismo su pista a Tokyo 2020: gare, qualificati, calendario
17/06/2021 A 10:24
In realtà, il nativo di Verbania non ha bisogno di presentazioni. Per lui parlano i risultati ottenuti negli ultimi due anni, periodo in cui è diventato uno degli uomini - se non l'uomo - simbolo del ciclismo italiano a tutto tondo. Aggiungendoci la strada, perchè su pista aveva già fatto faville. Oro mondiale nell'inseguimento individuale già nel 2016, a vent'anni, ha ripetuto il trionfo nel 2018, 2019 e 2020 (più un argento nel 2017) in una disciplina in cui vanta l'attuale record del mondo. A squadre, invece, ha in bacheca tre bronzi mondiali. Nel 2019 ha conquistato il bronzo nella prova su strada a cronometro e nel 2020 è esploso anche con la maglia della Ineos Grenadiers. Al Giro d'Italia ha vinto quattro tappe e vestito per due giorni la maglia rosa. A settembre dello scorso anno, invece, è diventato campione iridato a cronometro. Nel 2021 altri due successi alla corsa rosa. È figlio di Marco Ganna, azzurro olimpico nella canoa a Los Angeles 1984.

Ganna immenso! Fora, riparte e vince a Milano: rivivi la crono

Simone Consonni

Classe 1994, da Brembate (Bergamo), anche lui corre su strada. Uno dei suoi compiti con la maglia della Cofidis è quello di fare da apripista ad Elia Viviani negli arrivi in volata. In precedenza ha corso con la UAE Emirates, team con cui ha ottenuto la sua unica vittoria da professionista (una tappa al Giro di Slovenia 2018). Su pista ha vinto tre bronzi mondiali nell'inseguimento a squadra, ma si è distinto anche a livello individuale, ottenendo anche lì un bronzo iridato nell'omnium e un argento nello scratch. Ha una sorella minore, Chiara, anche lei professionista su strada e pistard.

L’INNO DI MAMELI SUONA PER GANNA, LAMON, MILAN E CONSONNI

Jonathan Milan

Il più giovane del quartetto d'oro, essendo nato a Tolmezzo (Udine) il 1° ottobre 2000. Se Ganna ha un aspetto imponente, lui di certo non sfigura al confronto: 194 centimetri di altezza e 46 di piede. Anche lui corre su strada ed è passato professionista quest'anno con la maglia della Bahrain-Victorious. Prima dell'oro a Tokyo aveva già vinto una medaglia di peso: il bronzo mondiale, sempre nell'inseguimento a squadre, a Berlino 2020. Il suo primo amore su due ruote è stata la mountain bike ed anche lui è figlio di un ex atleta: papà Flavio è stato professionista negli anni '90. Prima di fare sul serio con la bicicletta ha praticato anche judo, karate e nuoto. Un'altra cosa che lo accomuna a Ganna è il sogno di vincere la Parigi-Roubaix. Il suo idolo è Peter Sagan.

Francesco Lamon

Classe 1994 come Consonni, è nato a Mirano (Venezia). Anche lui vanta come gli altri numerose medaglie di prestigio su pista, essendo stato protagonista in tre bronzi mondiali e un oro e due argenti europei nell'inseguimento a squadre. Questa è la sua seconda Olimpiade, avendo partecipato anche a Rio 2016, dove aveva chiuso sesto sempre nella disciplina che gli ha appena portato l'oro. È tesserato sia con le Fiamme Azzurre che con la Biesse Arvedi. Tra le sue passioni ci sono la musica e film.
Il medagliere | Il calendario completo | Gli Azzurri
Guarda tutte le gare delle Olimpiadi di Tokyo 2020 abbonandoti a Discovery+: 3000 le ore live, fino a 30 canali in contemporanea dedicati a tutte le 48 discipline e a tutti i 339 eventi previsti. E potrai rivedere quando vuoi tutte le gare nella sezione VOD. Abbonati ora su discoveryplus.it!

SPORT EXPLAINER: Ciclismo su pista

Tokyo 2020
KEIRIN, JASON KENNY LEGGENDARIO: 7° ORO OLIMPICO IN FUGA
08/08/2021 A 06:39
Tokyo 2020
VALENTE, VITTORIA DI TESTA: ORO NELL'OMNIUM, BALSAMO 14ª
08/08/2021 A 06:29