Quei millisecondi da limare su ogni giro sono notoriamente chiamati "guadagni marginali". E anche se i miglioramenti possono essere minuscoli, spesso fanno la differenza. "I dati hanno stravolto il ciclismo su pista in misura ancora maggiore rispetto a quello su strada,", spiega Arnaud Tournant, medaglia d'oro nello sprint a squadre alle Olimpiadi di Sydney nel 2000. Tournant sa meglio di chiunque altro che oggi il suo sport “si basa sui dettagli".

La rivoluzione dell’SRM

Alla fine degli anni '90 Tournant ha avuto un posto in prima fila per assistere alla comparsa dei dati nel mondo del ciclismo. All'inizio erano guardati con scetticismo, e venivano considerati come un mero espediente, ma ben presto sono divenuti l'alfa e l'omega del mondo UCI Track. All'avanguardia di questo cambiamento c’era l'ineludibile powermeter SRM - o per dargli il suo titolo completo, dal nome del suo inventore, lo Schoberer Rad Messtechnik.
UCI Champions League
Lavreysen, che forza! Il meglio dell'olandese alla UCI TCL
08/12/2021 A 08:33

A Londra è successo di tutto: Hinze per terra, Vece in finale. Gli highlights

Fu quest'ultimo, un ingegnere tedesco interessato alle applicazioni mediche, a sognare l'idea di una guarnitura in grado di misurare la potenza immediata generata da un ciclista. Con il tempo, i suoi SRM sono diventati sempre più comuni sulle biciclette dei corridori professionisti, al punto che ora sono il fulcro stesso del loro design. "Sono anche indicatori estremamente affidabili della fatica, della progressione e persino della qualità dell'aria", sottolinea François Pervis.
"L’Australia e la Nuova Zelanda, per non parlare della Gran Bretagna, hanno inizialmente avuto un vantaggio nel ciclismo su pista", dice Arnaud Tournant, "ma la Francia e le altre nazioni hanno rapidamente seguito l'esempio e installato gli SRM". Al giorno d'oggi queste attrezzature possono determinare l’esito di una gara. Alcune persone tuttavia sostengono che questa rivoluzione possa andare a scapito delle competizioni stesse.

Ciclisti o robot?

François Pervis la pensa proprio così. "L’SRM desensibilizza completamente il ciclista", lamenta il sette volte campione del mondo. "I ciclisti di oggi sono diventati dei robot, e hanno perso il senso della corsa". Ma è davvero così? i ciclisti sono diventati dei robot, guidati solo dai dati trasmessi dai loro computer?
Non siamo ancora arrivati a quel punto, anche se Arnaud Tournant è d'accordo con il suo compatriota che "le gare non sono più come quelle di una volta. Prima di tutti questi dati, vedevamo gare con molta più suspense e imprevedibilità". "Al giorno d'oggi è molto raro vedere quei sorpassi che creavano così tanto entusiasmo nel nostro sport", sospira l'ex ciclista, che si è ritirato con 14 titoli mondiali a suo nome. "Ora tutti gli atleti lanciano il loro sprint da molto lontano. A volte sembra che siano bloccati in sella e siano interessati solo alla loro posizione sulla bicicletta".

Derache dove vai? Per poco non va fuori pista, ma la colpa è di...

Progresso e nostalgia

Ma Arnaud Tournant non è affatto un luddista. "L'evoluzione è parte integrante di ogni sport", dice. "Guardate il calcio di oggi: rispetto all'era di Platini è irriconoscibile. Il progresso tecnico e tecnologico ci aiuta a migliorare. Tanto più negli sport meccanici come il ciclismo su pista".

E secondo il francese, l'emergere dei dati non ha certo azzerato tutta la suspense. "In questi giorni, armati di tutti i loro dati, i corridori corrono così vicini al limite che la fatica entra in gioco. Ed è il fattore fatica che crea l’incertezza e lo spettacolo che rende grande questo sport".

Analisi video: l'altra arma segreta del ciclismo moderno

Per quanto onnipresente e onnipotente sembri essere diventato l'SRM, non è l'unico grande cambiamento che la disciplina ha subito negli ultimi anni. Anche l'analisi video ha avuto un ruolo importante. "Ha permesso a ogni ciclista e a ogni nazione di esaminare fino al minimo dettaglio i propri concorrenti", dice Arnaud Tournant.

"L'obiettivo finale di queste sessioni video è sempre stato quello di identificare il rapporto di trasmissione utilizzato dagli avversari. Una volta era molto difficile, ma ora, grazie a questo tipo di analisi, possiamo indovinarlo calcolando la distanza percorsa con una rotazione completa della guarnitura", dice.
E non è tutto. Più si studia il video, più segreti rivela. "Analizza il percorso di ogni corridore e gli permette di ottimizzarlo". In sintesi, i dati informatici sono ovunque nel mondo UCI Track. E per chi non è avverso al progresso, si stanno rivelando uno strumento prezioso nella perenne ricerca dell'eccellenza che da sempre definisce questo sport.

Corridori e meccanici in pista a Maiorca: ci si prepara alla Champions

UCI Champions League
Harrie Lavreysen vs Jeffrey Hoogland, storia di una rivalità
07/12/2021 A 11:56
UCI Champions League
Cadute, declassamenti, poker e titoli: gli highlights XXL di Londra
05/12/2021 A 16:44