È sicuramente uno dei corridori più attesi in questo 2021. Il suo esordio è slittato (avrebbe iniziato dalla Vuelta a San Juan, che è stata annullata), e nel frattempo sta proseguendo nella sua preparazione specifica in California. Occhi puntati sulla nuova avventura di Chris Froome con la Israel Start-Up Nation.
Il keniano bianco ha parlato della sua scelta di cambiare squadra: “È stata una decisione importante venire qui. Quando sono stato contattato da Carlström, mio ex compagno di squadra e ora team manager della Israel, non mi ci è voluto molto per parlare con il patron Sylvan Adams. Abbiamo subito avuto un bel rapporto, grazie alla sua passione. Siamo velocemente arrivati alla conclusione che cambiare squadra dopo tanti anni per me non sarebbe stato solamente un accordo di un anno o due, ma qualcosa che sarebbe durato fino alla fine della mia carriera, potenzialmente anche oltre“.
GP de Denain
Ancora Philipsen! Il belga vince anche a Denain
11 ORE FA
Prosegue: “Dopo tanti anni con la stessa squadra, era un po’ come un copia-incolla per me. Cambiare squadra, in questo momento della carriera, a 35 anni e dopo un grave infortunio, penso mi possa dare più stimoli e motivazioni. Questo nuovo progetto e questo nuovo capitolo in qualche modo mi ringiovanisce“.
Obiettivi in grande, nonostante l’età e i problemi avuti: “I miei obiettivi non sono cambiati. Voglio tornare al mio livello migliore, voglio lottare per le vittorie al Tour e agli altri Grandi Giri. Non vedo l’ora inizi la stagione 2021. Spero che possa essere l’inizio di una partnership di successo”.

Froome: “La Israel mi ha ringiovanito, voglio vincere il Tour”

Mondiali
La Danimarca continua a dominare: Wang vince la crono Junior
11 ORE FA
Mondiali
"Questa non ci voleva": Pickering vola contro le transenne
12 ORE FA