Una tragedia scuote il mondo del ciclismo mondiale e si porta via una delle stelle più luminose ed apprezzate, uno dei sette corridori ad essere riusciti nell’impresa di vincere i tre Grandi Giri (Giro d’Italia, Tour de France e La Vuelta). Felice Gimondi, campionissimo del ciclismo mondiale, è morto questo pomeriggio, vittima di un malore fatale mentre mentre faceva il bagno nelle acque di Giardini Naxos, in provincia di Messina, dove si trovava in vacanza con la moglie Tiziana.
Gimondi, che avrebbe compiuto 77 anni il prossimo 26 settembre, si trovava nella nella zona di Recanati quando si è sentito male. I bagnini di salvataggio sono subito accorsi in suo soccorso, ma non c’è stato nulla da fare e i medici del 118, accorsi tempestivamente, non hanno potuto far altro che appurare il decesso.
CRO Race
🚴‍♂️ Chi è Jonathan Milan, il nuovo talento per Classiche e volate
5 ORE FA

Felice Gimondi insieme a Marco Pantani sul podio del Tour de France nel 1998, Getty Images

Credit Foto Getty Images

Il campione completo che resistette anche all'ascesa del 'Cannibale' Merckx

Nella vita puoi essere utile anche arrivando secondo o quinto... purché tu ce la metta tutta [Felice Gimondi, Sfide 2012]
Nato a Sedrina (comune di poco più di 2500 abitanti in provincia di Bergamo) nel 1942, corridore professionista dal 1965 al 1979: Gimondi è stato un campione completo capace di inanellare vittorie e togliersi enormi soddisfazioni su ogni tracciato. Temibile a cronometro e in pianura, in volata e pure in salita: Gimondi detiene il record di podi nel Giro d’Italia (9) e può vantare un palmares sterminato di successi che comprendono oltre alla Corsa Rosa (vinta 3 volte nel 1965, 1967 e 1976), un Tour de France (1965), una Vuelta (1968), un campionato del Mondo (1973), una Parigi-Roubaix (1966), una Milano-Sanremo (1974), due Parigi-Bruxelles (1966, ’76), due Giri di Lombardia (1966, ’73); due campionati italiani (1968, 1972); due Gran Premi delle Nazioni a cronometro (1967, ’68); un Gran Premio di Lugano a cronometro (1967); due Trofei Baracchi (1968 con Anquetil, 1973 con Rodriguez); un Giro di Romandia (1969). Nonostante sulla sua strada abbia incrociato per la stragrande maggioranza degli anni il ‘Cannibale’ Eddy Merckx è stato in grado di portare a casa ben 118 successi da professionista, un bottino considerevole frutto di una longevità ad alti livelli veramente formidabile che si può riassumere in una dato, prima vittoria ai massimi livelli al Tour del 1965 e ultima al Giro ben 11 anni dopo, nel 1976.
I 7 campionissimi che hanno completato la Tripla Corona
  • Jacques Anquetil (1963)
  • Felice Gimondi (1968)
  • Eddy Merckx (1973)
  • Bernard Hinault (1980)
  • Alberto Contador (2008)
  • Vincenzo Nibali (2014)
  • Chris Froome (2018)

Di Rocco: "Enorme tristezza"

Tra i primi a commentare la notizia della scomparsa di Felice Gimondi, il presidente della Federciclismo Renato Di Rocco...
"Una tristezza enorme. C'è rammarico, delusione, un pianto nel cuore. Ho seguito tutta la sua carriera da dirigente, l'ho sempre ammirato e apprezzato. L'oro al mondiale di Barcellona nel 1973 è il ricordo più bello e poi è stato uno dei pochissimi ad aver vinto tutti e tre i grandi giri. La rivalità con Merckx? Ma erano anche amici, e lo erano ancora adesso. Si rispettavano sia in bici che da ex corridori. Felice era una persona che stava bene con tutti ed era apprezzato da tutti
Tour de Vendée
Colpo Coquard! Demare battuto in volata, rivivi l'arrivo
20 ORE FA
Famenne Ardenne Classic
De Lie a terra, Merlier chiuso, esulta Zingle! Rivivi l'arrivo
21 ORE FA