Il Giro di Slovenia fa il suo gradito ritorno dopo la pausa fozata dell'anno scorso, e tornerà ad appassionare gli amanti delle competizioni ciclistiche dal 9 al 13 giugno 2021. Una selezione dei migliori ciclisti su strada da tutto il mondo si darà battaglia per la maglia verde, in vista della partenza del Tour de France alla fine del mese. Ecco cinque motivi per seguire il più importante evento ciclistico della Slovenia.

1. È UN MOMENTO D’ORO PER IL CICLISMO SLOVENO

L'edizione 2021 del Giro di Slovenia giunge in un momento costellato da successi senza precedenti per i ciclisti su strada di questo Paese. Lo scorso settembre, gli sloveni Tadej Pogačar della UAE Team Emirates e Primož Roglič del Team Jumbo-Visma, hanno occupato i primi due gradini del podio al Tour de France, cementando così la loro reputazione tra i più temuti corridori di gare a tappe del ciclismo mondiale. Nonostante in quell'occasione sia stato Pogačar ad aggiudicarsi il podio, è il suo connazionale più anziano Roglič che può vantare il maggior numero di successi nel tour di casa, grazie alle vittorie conquistate nel 2015 e nel 2018. Pogačar dovrebbe partecipare al Giro di Slovenia del 2021, e ovviamente cercherà di aggiudicarsi ad ogni costo la maglia del vincitore davanti ai suoi tifosi.
Tour de France
L'Albo d'oro del Tour de France: tutti i vincitori dal 1903 al 2020
12 ORE FA
https://i.eurosport.com/2021/06/08/3148704.jpg

2. UNA GARA DI LIVELLO MONDIALE

La corsa del 2019, vinta dall'italiano Diego Ulissi, ha catturato l'immaginazione dei tifosi sloveni, ed è stata vista da oltre 10 milioni di spettatori in tutto il mondo. Il tour è classificato come Hors Catégorie dall'Unione Ciclistica Internazionale (UCI), un grado riservato alle gare più prestigiose della serie UCI World Tour. La gara di quest'anno dovrebbe attirare ancora una volta alcuni dei più grandi nomi dello sport.
https://i.eurosport.com/2021/06/08/3148703.jpg

3. UNA MERAVIGLIA PER GLI OCCHI

Nonostante le recenti restrizioni ai viaggi, la Slovenia si è guadagnata un'ottima reputazione come destinazione turistica. La corsa di quest'anno si snoderà lungo una successione di magnifici paesaggi, che spaziano dal mare Adriatico alla pianura pannonica, senza dimenticare le vette alpine al suo confine settentrionale. Per la gioia degli amanti della cultura il percorso visiterà anche le città storiche di Celje e Ptuj, oltre alla capitale Lubiana.
https://i.eurosport.com/2021/06/08/3148700.jpg

4. LA LOTTA PER IL VERDE

Qualche anno fa la corsa ha adottato un nuovo slogan: "Fight for Green" (Lotta per il Verde, in italiano). Così come i corridori lottano per aggiudicarsi la maglia gialla al Tour de France, il verde è il colore della maglia destinata al campione ambita da tutti i partecipanti al Giro di Slovenia. Lo slogan inoltre ha un duplice significato, poiché richiama il grande impegno espresso dalla Slovenia nel proteggere l'ambiente e promuovere lo sviluppo sostenibile. Anche quest'anno tutta l’attenzione e il rispetto per la natura dimostrati dal Paese verso il proprio territorio saranno in bella mostra durante il giro, grazie al percorso che si snoda attraverso nove località classificate come destinazioni "Slovenia Green" dall'ente turistico nazionale.

5. L’ARRIVO GLORIOSO NELLA CULLA DEL CICLISMO SLOVENO

Il Giro di Slovenia risale al 1993, appena due anni dopo che il Paese aveva ottenuto l'indipendenza dalla Jugoslavia. La prima edizione fu organizzata su iniziativa del club ciclistico di Novo Mesto, una città sul fiume Krka nel sud-est della Slovenia. Da allora, la competizione si è conclusa a Novo Mesto in 23 delle sue 26 edizioni. Questa tradizione sarà mantenuta anche domenica 13 giugno, quando verrà incoronato il vincitore del Giro di Slovenia 2021.
https://i.eurosport.com/2021/06/08/3148699.jpg
Tour de France
Roglic cerca riscatto al Tour con una preparazione totalmente diversa
14 ORE FA
Tour de France
La ricognizione di Cosnefroy e Peters: alla scoperta della prima tappa di montagna
14 ORE FA