Grandi ambizioni per i leader dei grandi giri della Trek-Segafredo, che hanno deciso quali saranno i loro obiettivi primari per questa nuova stagione. In tutto ciò però, non andranno assolutamente escluse possibili nuove cancellazioni di alcune gare dovute, per l’ennesima volta, alla pandemia da Covid-19 ancora in corso. Ma largo alla positività in casa Trek dove, dopo un 2020 letteralmente stravolto e a tratti da dimenticare, tramite un comunicato stampa, la formazione statunitense ha annunciato il programma stagionale dei suoi big.
Partiamo innanzitutto dalla punta italiana delle grandi corse a tappe Vincenzo Nibali che per questo 2021 ha pensato bene di regalarsi la sua decima partecipazione alla corsa di casa, la più amata: il Giro d’Italia. Lo Squalo dello Stretto ha conquistato la Corsa Rosa del 2013, quella del 2016, ma anche sette vittorie di tappa, ed è innegabile che la sua partecipazione al prossimo Giro è sicuramente la notizia più bella per tutti i tifosi italiani.
Tokyo 2020
Van Vleuten, che beffa! Il momento in cui scopre di non aver vinto
31 MINUTI FA
E attenzione, perchè nei piani del campione messinese rientra anche la sua nona partecipazione al Tour de France, laddove ha fatto sognare l’Italia ormai sette anni fa con la sua maglia gialla in quel di Parigi. Vincenzo sarà al via della Grande Boucle non tanto per puntare alla classifica, ma per potersi preparare al meglio per l’appuntamento più atteso di questo 2021: le Olimpiadi di Tokyo. Sotto questo punto di vista però, andrà tenuto conto di un possibile fatto da non sottovalutare, ossia la possibile quarantena prima di volare verso il paese del Sol Levante. Se il Giappone obbligherà gli atleti a sottoporsi a due settimane di isolamento preventivo, allora Vincenzo dovrebbe ritirarsi anzitempo dal Tour. Ma questo fattore è ancora sotto evoluzione pensando ad una possibile vaccinazione prima della rassegna a cinque cerchi.

Joao Almeida e Vincenzo Nibali

Credit Foto Getty Images

Rimanendo in casa Italia, la Trek-Segafredo punterà tutto su Giulio Ciccone per la Vuelta a España: sarà l’abruzzese il capitano del team a stelle e strisce per l’ultimo grande giro dell’anno. In precedenza Giulio dovrebbe unirsi ai suoi compagni di squadra più esperti per disputare il suo sesto Giro d’Italia, magari puntando alla terza vittoria di tappa se non ad un’altra maglia azzurra della classifica dei GPM.
Per quanto riguarda gli altri big, Bauke Mollema sta cercando di riprendersi dopo essere caduto e fratturato il polso in occasione dell’ultimo Tour de France. L’olandese dovrebbe schierarsi al fianco di Nibali al Giro d’Italia, l’unica grande corsa a tappe dove Mollema non ha ancora vinto una tappa. Ma non va nemmeno escluso un possibile ritorno proprio al Tour de France. Infine, Jasper Stuyven e Mads Pedersen guideranno il team nelle Classiche di primavera dopo un 2020 glorioso che li ha visti conquistare rispettivamente la Omloop Het Nieuwsblad e la Gand-Wevelgem. I due specialisti delle classiche sono in lizza anche per il Tour de France, dove aggiungeranno un forte sostegno alla formazione e punteranno a alle vittorie di tappa.

Lo Stelvio fa male a tutti: anche Nibali si stacca

Tokyo 2020
IMPRESA KIESENHOFER, LONGO BORGHINI BRONZO DI CLASSE: GLI HIGHLIGHTS
UN' ORA FA
Tokyo 2020
ELISA LONGO BORGHINI, BRONZO SUPER: RIVIVI IL SUO ARRIVO!
2 ORE FA