Dopo trent’anni, e dopo una traiettoria agonistica che è parsa davvero infinita, anche per Davide Rebellin è giunto il tempo di smettere. Lo annuncia lo stesso corridore veneto, che dirà addio proprio sulle strade di casa, appunto al Giro del Veneto. Lo conferma alla Gazzetta dello Sport: sarà dunque il 12 ottobre l’ultimo giorno da ciclista professionista per lui. Che, però, sottolinea: “A meno di non cambiare idea all’improvviso”.

Rebellin all'ultimo ballo: "Il ciclismo è la mia vita"

Attualmente con la Work Service Vitalcare Vega, Rebellin (classe 1971) ha debuttato tra i pro nel 1992. Tra le sue vittorie più importanti una tappa al Giro d’Italia 1996, un’Amstel Gold Race, una Liegi-Bastogne-Liegi, tre successi nella Freccia Vallone. Ma ha anche alzato le braccia al cielo a San Sebastian nel 1998. Nel 2008 era riuscito a vincere la medaglia d’argento alle Olimpiadi di Pechino nella prova in linea, ma questa gli venne revocata per positività al CERA. Tornato alle corse, si è concentrato soprattutto sull’attività in Italia, vincendo fino al 2018.
Tour of Scandinavia
Ludwig vince davanti a Lippert: tappa e maglia
UN' ORA FA

"È stato un Giro di emozioni": ecco come Nibali ha vissuto la sua ultima Corsa Rosa

Vuelta di Spagna
Da Utrecht a Madrid: tappe e guida completa della Vuelta 2022
12 ORE FA
Tour of Scandinavia
Alexandra Manly vince la 4ª tappa del Tour of Scandinavia
19 ORE FA