Si pensa già alla prossima stagione e al passaggio di Vincenzo Nibali alla Trek Segafredo. Il siciliano dopo tre anni ha scelto di lasciare la Bahrain Merida, anche a causa di una serie di incomprensioni con la dirigenza, come emerso chiaramente anche nell’ultimo Tour de France, dove lo Squalo è riuscito comunque a far valere la sua classe, conquistando una splendida vittoria nell’ultima tappa alpina. Nel 2020 Nibali farà quindi parte della formazione di Luca Guercilena, in cui sarà nuovamente al centro del progetto tecnico, con l’obiettivo di lasciare ancora il segno nei Grandi Giri.

Mollema e Ciccone per Nibali: e Porte che fa?

Tour de France
Da 0 a 10, il Pagellone del Tour: Nibali c'è, Alaphilippe emoziona. Bernal nuova stella
29/07/2019 A 12:45
I nomi di riferimento saranno quelli di Giulio Ciccone e Bauke Mollema. Entrambi hanno già il contratto per la prossima stagione e potranno sfruttare le loro doti in salita per supportare al meglio Nibali nei tapponi di montagna. L’abruzzese ha dimostrato definitivamente il suo talento, vincendo una tappa e la maglia azzurra al Giro d’Italia, e potrebbe risultare davvero fondamentale per lo Squalo. L’olandese invece ha grandissima esperienza e ha chiuso al 5° posto la Corsa Rosa, a dimostrazione delle sue qualità a tutto tondo. Ad essi si potrebbe aggiungere anche Richie Porte, nel ruolo di gregario, per formare un vero squadrone. In questo caso bisognerà però capire se la Trek Segafredo vorrà giocarsi il tutto per tutto su un’unica corsa, oppure far correre all’australiano un altro Grande Giro da capitano.

Anche Brambilla in squadra: arriva anche Antonio Nibali?

Un’ipotetica formazione a supporto dello Squalo, potrebbe poi essere composta da Gianluca Brambilla e Nicola Conci, due ottimi passisti scalatori, che sono però in scadenza di contratto. A livello di nuovi innesti potrebbero invece entrare il fratello Antonio, che seguirebbe Vincenzo nel passaggio dalla Bahrain Merida, e Kenny Elissonde, forte scalatore francese attualmente al Team Ineos. Ovviamente in squadra non ci sarebbero solo scalatori e per questo potrebbero trovare spazio anche Matteo Moschetti e Jasper Stuyven, sulla carta rispettivamente a Giro e Tour, che sono due velocisti, ma ovviamente anche ottimi passisti. Tra gli altri gregari citiamo poi Julien Bernard, Will Clarke, Koen de Kort, Mads Pedersen, Fabio Felline, Michael Gogl e Toms Skujins.

Da Nibali a Ciccone in maglia gialla: i 5 momenti che ci hanno fatto emozionare al Tour de France

Tour de France
Vincenzo Nibali: da leader dei Grandi Giri a cacciatore di tappe, la metamorfosi è completa
28/07/2019 A 07:12
Tour de France
Nibali: "Vecchio per la classifica generale? Mi fate impazzire, sono arrivato 2° al Giro"
23/07/2019 A 11:36