La sesta tappa del Giro d'Italia, con arrivo a Matera, è stata caratterizzata dall'azione in fuga di 4 uomini che hanno preso addirittura più di 9 minuti di vantaggio, venendo però ripresi sotto la spinta della Bora Hansgrohe di Peter Sagan. All'attacco c'erano James Whelan (Education First), Mattia Bais (Androni Giocattoli-Sidermec), Marco Frapporti (Vini Zabù-KTM) ma soprattutto Filippo Zana della Bardiani-CSF-Faizanè.

Giro d'Italia
Giro d'Italia 2020: tutte le tappe da Monreale a Milano
25/10/2020 A 18:15

Il 21enne di Vicenza, professionista dal 2020, è entrato nella fuga con degli obiettivi specifici. Mettersi in mostra e ricordare il nonno appena scomparso e che non ha potuto salutare proprio perché si trovava nelle strade del Giro. Questo è stato il miglior modo per salutarlo...

Ho 21 anni, sono al mio primo Giro ed è già bellissimo esserci, poter accumulare esperienza preziosa e crescere come corridore. Per cui sono già soddisfatto di questa azione. Sicuramente mi piacerebbe riprovarci e magari azzeccare la fuga che arriverà fino al traguardo per potermi giocare le mie chance. Prima rifiaterò e lavorerò per i miei compagni a cominciare da domani per sostenere il nostro velocista Giovanni Lonardi. Ma oggi è stata comunque una giornata importante che voglio dedicare a mio nonno, purtroppo venuto a mancare proprio in questi giorni mentre io mi trovo al Giro. Questa mia azione era anche per lui. [Filippo Zana a fine tappa]

Come detto, la fuga è stata poi ripresa e Zana è giunto così al traguardo 162° a più di 11 minuti di ritardo dal vincitore Démare. Poco male, rivedremo sicuramente il corridore vicentino in fuga nelle prossime giornate.

Sagan e Nibali battono un colpo, ma vince Démare: gli highlights

Giro d'Italia
Giro d'Italia 2020: ritiri, non partenti e squalificati
25/10/2020 A 17:43
Giro d'Italia
Tutte le classifiche dopo la 6a tappa del Giro
09/10/2020 A 10:00