Giro d'Italia
Giro d'Italia 2020: tutte le tappe da Monreale a Milano
3 ORE FA

Comincia un week end che potrebbe davvero rivoluzionare la classifica generale e farci capire chi ha realmente le potenzialità per vincere il Giro e chi punterà solo ad un piazzamento. Si parte con la cronometro di Valdobbiadene che testerà le gambe dei corridori che, il giorno dopo, affronteranno poi la salita di Piancavallo.

CHI VINCERÀ IL GIRO D'ITALIA?

Il percorso della 14a tappa

C'è la cronometro di Conegliano a mischiare completamente le carte della classifica generale. E sarà una cronometro molto impegnativa: 34,1 km che partono con un GPM duro, vista la presenza del Muro del Ca' del Poggio dopo 7 km. È solo 1,1 km, ma ha una pendenza media del 12,3% con pendenza massima al 19%. Non finisce qui, perché ci saranno diversi sali e scendi fino all'arrivo di Valdobbiadene. Ultimi 300 metri al 5,5% per non farsi mancare niente. In tanti potranno perdere terreno prezioso.

https://imgresizer.eurosport.com/unsafe/0x0/filters:format(jpeg):focal(1543x764:1545x762)/origin-imgresizer.eurosport.com/2020/09/22/2891684.jpg

Programmazione televisiva

Dopo il Tour de France e i Mondiali di Imola continuano i grandi eventi griffati da Eurosport. Ora tocca al Giro d'Italia che sarà trasmesso senza interruzioni su Eurosport Player con il commento di Luca Gregorio e Riccardo Magrini (GUARDA QUI per tutte le offerte di Eurosport Player). Ci sarà la Diretta anche su Eurosport 1 e Eurosport 2 (canali 210 e 211 di Sky, disponibili anche su DAZN). La diretta della tappa comincerà su Eurosport 1 a partire dalle 13:00 con orario d'arrivo previsto per le 16.45 circa.

Giro d'Italia 2020, tappa 14: Conegliano-Valdobbiadene (crono), percorso in 3D

I favoriti della 14a tappa

C'è un unico favorito per la cronometro di Valdobbiadene, anche se si dovranno scalare ben due muri, tra questi il Ca' del Poggio. I favori del pronostico, però, sono tutti per Filippo Ganna che ha disintegrato il resto della compagnia nella crono iniziale di Palermo, dove aveva fatto registrare la media di 58,8 km/h: la velocità media più alta della storia del Giro d'Italia tra tappe in linea e a cronometro (escluso i prologhi). Ricordiamo che Filippo Ganna è il campione del mondo a cronometro e che in stagione ha vinto (quasi) tutte le prove contro il tempo a cui ha preso parte: campionato nazionale italiano a crono, cronometro di San Benedetto alla Tirreno-Adriatico, dove aveva battuto il record di velocità media di Cancellara, crono Mondiale di Imola e crono di Palermo al Giro. L'unica sconfitta è stata in Argentina, alla Vuelta a San Juan dove Evenepoel fece meglio di 32'' su un percorso di 15,5 km. A sfidarlo potrebbe esserci, invece, il suo compagno di squadra ed ex campione del mondo Rohan Dennis che in queste ultime tappe ha risparmiato più energie del piemontese. Nella lista anche gli specialisti Bjerg e Campenaerts, anche loro però molto attivi negli ultimi giorni in favore dei propri capitani.

Crono spaziale di Filippo Ganna! È la prima maglia rosa

Tra gli uomini di classifica, è tutti contro João Almeida. Non solo perché il portoghese è la maglia rosa, ma anche perché ha dimostrato di saper andare più forte nelle prove contro il tempo rispetto agli altri big. È vero che a Palermo è stato favorito del vento, ma il corridore della Deceuninck Quick Step potrebbe dare un minuto a tutti i contendenti, Kelderman, Nibali e Pozzovivo per fare un esempio. Messo peggio Fuglsang, che a Palermo andò molto male. L'unico che potrà limitare i danni è Pello Bilbao, campione nazionale spagnolo a cronometro.

Sagan fa tirare Fabbro ma si stacca; Ulissi super: gli highlights

Giro d'Italia
Giro d'Italia 2020: ritiri, non partenti e squalificati
8 ORE FA
Giro d'Italia
L'Albo d'oro del Giro: tutti i vincitori dal 1909 al 2019
21/10/2020 A 23:13