Una giornata da sogno per Damiano Caruso. Dal ruolo di scudiero di Mikel Landa a inizio Giro d'Italia al successo in solitaria nella ventesima tappa della corsa rosa, a coronamento di tre settimane indimenticabili e a certificare un secondo posto in classifica generale che manca solo di ufficialità. Il siciliano vola alto come non mai in una carriera che l'ha visto quasi sempre splendido uomo squadra e neanche adesso che i riflettori sono tutti - meritatamente - a suo favore riesce a perdere la sua proverbiale umiltà, come dimostrano le dichiarazioni rilasciate al termine della frazione odierna ad Alpe Motta.

Caruso da impazzire! Trionfo ad Alpe Motta, rivivi l'arrivo

Classifiche e risultati

Giro d'Italia
Giro d'Italia: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
08/05/2021 A 21:47
| Da Torino a Milano: il percorso del Giro | La classifica generale | L'Albo d'oro del Giro |
"In quegli ultimi 200 metri ho pensato mille cose, a tutta la fatica delle tre settimane, ai mesi di fatica che ci sono voluti per arrivare a questo punto, ma anche al lavoro dei miei compagni e del team. Ho pensato poi anche a me stesso, che oggi ho realizzato un altro sogno. Penso di essere l’uomo più felice del mondo in questo momento. Oggi abbiamo corso in maniera esemplare. È stata una giornata in cui tutto è andato bene, Pello ha fatto un lavoro incredibile, il 70% della mia vittoria oggi è merito suo”.

Caruso, che signore: pacca a Bilbao per ringraziarlo del lavoro

Segui il Giro d'Italia LIVE su Eurosport Player e Discovery+: scopri l'offerta bomba
Caruso va forte, anzi fortissimo ormai da un anno. Dal decimo posto finale al Tour de France 2020, allo stesso piazzamento ai Mondiali di Imola. Corridore buono per tutti i terreni, anche per tirare una volata come successo con Sonny Colbrelli all'ultimo Tour de Romandie. E che meritava un successo così. "Mi reputo un ottimo professionista e un buon corridore. Non sono mai stato definito un campione perché ho vinto corse minori, solo la cronosquadre con la BMC, ma oggi posso dire di aver avuto la mia giornata da campione. Da oggi non divento un vincente, ma so di poter dare ancora molto al ciclismo”.

Fortunato fa l'impresa! Trionfo sullo Zoncolan, rivivi l'arrivo

Giro d'Italia
Il film del Giro: le tappe e i risultati da Torino a Milano
03/05/2021 A 16:07
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53