Parliamo di scatti e viene subito alla mente, trattando di ciclismo, gli scatti per eliminare la concorrenza. Di quello di Bernal sullo sterrato di Campo Felice per esempio. In questo caso, però, parliamo di scatti fotografici. Abbiamo selezionato le 5 foto più significative di questa prima settimana di Giro d'Italia. Dal successo a cronometro di Filippo Ganna, a quello - a sorpresa - di Taco van der Hoorn che è stato il primo fuggitivo di successo di questo 2021. Tante belle immagini, ma anche brutte come quella del ritiro di Mikel Landa. Qual è stata la più significativa per voi?

Classifiche e risultati

| Da Torino a Milano: il percorso del Giro | La classifica generale | L'Albo d'oro del Giro |
Giro d'Italia
Giro d'Italia: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
08/05/2021 A 21:47
CHI VINCE IL GIRO 2021?

8 maggio: Filippo Ganna vince la cronometro

Filippo Ganna riuscirà a vincere la cronometro di Torino e indossare la maglia rosa? Questa era la domanda alla vigilia del Giro, pronunciata con un po' di preoccupazione. Il campione del mondo a cronometro arrivava a questo appuntamento dopo tre sconfitte in fila. Prima quella della Tirreno-Adriatico, poi il 9° e il 10° posto nelle prove contro il tempo del Romandia. Aveva un po' deluso, ma era semplicemente un discorso di condizione fisica. Ganna aveva bisogno di km per ritrovarsi e l'8 maggio ha risposto presente. Facendo una crono da paura, battendo un Affini che era andato molto forte. Fortissimo. Più veloce è stato Ganna che per poco non ha ritoccato il record di velocità media oraria di una tappa del Giro, record che già appartiene al verbanese.

Filippo Ganna durante la cronometro di Torino - Prima tappa del Giro d'Italia 2021 - Getty Images

Credit Foto Getty Images

Segui il Giro d'Italia LIVE su Eurosport Player e Discovery+: scopri l'offerta bomba

10 maggio: van der Hoorn è il primo fuggitivo a farcela

Dopo la crono di Torino e la volata di Novara, vinta da Merlier, volata doveva essere anche a Canale. Così non è stato, però, con il gruppo che ha fatto male i conti nell'andare a riprendere la fuga. Pellaud e van der Hoorn avevano resistito fino all'ultimo e l'olandese dell'Intermarché-Wanty-Gobert non si è poi arreso, andando fino in fondo. Il gruppo era lì dietro, ma è riuscito ad anticiparlo diventando il primo fuggitivo vincente di questa edizione. Una storia clamorosa quella di van der Hoorn che dopo non aver rinnovato il contratto con la Jumbo Visma si stava ritirando dal mondo del ciclismo. Era rimasto senza squadra e senza chiamate. Poi il contatto con Valerio Piva che gli ha dato una seconda chance. Lui l'ha colta al volo vincendo al Giro d'Italia: il primo successo in un Grande Giro per il team belga.

Van der Hoorn incredulo dopo la vittoria di Canale - Getty Images

Credit Foto Getty Images

11 maggio: Alessandro De Marchi in maglia rosa

Prima tappa di montagna, con i big a sfidarsi a Sestola. Bernal lancia un segnale, ma i distacchi sono ancora di poco conto. A vincere è Joe Dombrowski, ma ad animare la fuga è Alessandro De Marchi. Era stato proprio il corridore della Israel a riportare sotto Dombrowski sul duo Juul Jensen-Taaramäe, ma lo statunitense ha poi beffato tutti tirando dritto. Poco male, De Marchi voleva il successo di tappa, ma il 2° posto di giornata gli ha regalato la maglia rosa.

Alessandro De Marchi sul podio di Sestola - Giro d'Italia 2021

Credit Foto Getty Images

A quasi 36 anni, un riconoscimento alla sua lunga carriera fatta di fughe e fughe. Così ha vinto per 3 volte alla Vuelta, così per poco non vinceva al Giro. Non ce l'ha fatta, ma ci riproverà. E intanto ha indossato per due giorni la maglia rosa.

De Marchi in lacrime: il Rosso di Buja veste la maglia rosa

12 maggio: Mikel Landa si ritira dal Giro

A Sestola anche Mikel Landa aveva lanciato un messaggio. Segnale che il basco voleva fare qualcosa di importante in questo Giro d'Italia. I suoi sogni di gloria, però, si sono spenti nella frazione di Cattolica, una tappa adatta ai velocisti. Finirà così, in volata, col successo di Caleb Ewan, ma a 5 km dal traguardo un incidente coinvolge Dombrowski, Bidard e Mikel Landa. Tutti a casa, con Landa che non ha neanche concluso la tappa a causa del dolore. Il referto medico dirà frattura della clavicola sinistra (in tre punti) e tre costole rotte. Non male. La serie sfortunata di Landa continua. Non è infatti la prima volta che deve lasciare, o rinunciare, ad un Grande Giro in seguito a una caduta. Speriamo di rivederlo alla Vuelta.

Landa a terra dopo la caduta di Cattolica - Giro d'Italia 2021

Credit Foto Getty Images

17 maggio: la sfida tra Bernal e Evenepoel

L'idea era di mettere la foto dell'attacco di Bernal a Campo Felice, quando stacca tutti, anche Ciccone. Anzi, la foto più bella è quando Bouwman, che credeva di giocarsi la tappa con Bouchard, si gira e vede sfrecciare il colombiano che batte tutti. Un momento tragico per i due fuggitivi che ormai ci avevano creduto, visto che erano a 300 metri dal traguardo. Invece a colpirci ancor di più è stato il momento del duello tra Bernal ed Evenepoel nella tappa successiva. I due che si sfidano al traguardo volante, per un paio di secondi di abbuono. Così sarà perché Evenepoel se ne prende due, Bernal uno. Ma i due si affrontano anche in volata per vincere questo Giro...

Bernal e Evenepoel si sfidano al traguardo volante - Giro d'Italia 2021

Credit Foto Getty Images

Dopo la volata, vinta peraltro da Narváez, Evenepoel cerca Bernal. Per dargli un pugnetto. In un primo momento il colombiano neanche capisce le intenzioni del belga, poi si guardano e arriva il gesto di fair play. Un momento bello, ma profondo. Sono loro due a giocarsi la maglia rosa. Almeno questo è quello che ci ha detto la prima settimana (la classifica generale dopo 10 tappe).

Battaglia tra Evenepoel e Bernal per gli abbuoni: poi fair play tra i due

Giro d'Italia
Il film del Giro: le tappe e i risultati da Torino a Milano
03/05/2021 A 16:07
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53