Nonostante non sia stato protagonista nella tappa di Stradella, il nome di Sagan è sulla bocca di tutti. Sia per il discorso della multa per aver “intimidito gli avversari”, sia per il mercato che imperversa. Il giornale francese L'Equipe ha movimentato il pomeriggio parlando del futuro di Peter Sagan, un futuro molto lontano dalla Deceuninck Quick Step. Lo slovacco, all'ultima stagione con la Bora Hansgrohe, cerca casa e il team belga avrebbe dovuto accoglierlo grazie all'aiuto del marchio Specialized, di cui Sagan è testimonial. I colloqui avuti tra il patron Lefevere e l'agente di Sagan, il grande Giovanni Lombardi, non ha dato però i frutti sperati. Troppo alte le richieste dello slovacco e la Deceuninck Quick Step non può dire di sì, considerando già gli sforzi fatti a livello economico per le conferme di Asgreen, Evenepoel e Alaphilippe.

Classifiche e risultati

| Da Torino a Milano: il percorso del Giro | La classifica generale | L'Albo d'oro del Giro |
Giro d'Italia
Giro d'Italia: startlist, ritirati e squalificati dalla Giuria
08/05/2021 A 21:47
In più c'è il discorso della “squadra” Sagan. Considerando che, per avere lo slovacco, bisognava mettere sotto contratto anche il fratello Juraj, Daniel Oss, il massaggiatore e altri componenti del suo staff. Troppo “complicato” per i belgi e Sagan cerca ancora una sistemazione. Non che non abbia richieste, soprattutto per uno che ha vinto 18 tappe nei Grandi Giri oltre a un Giro delle Fiandre e una Parigi-Roubaix. Ecco la novità dell'Equipe, con il 3 volte campione del mondo contattato dai francesi della Total Direct Énergie.
Segui il Giro d'Italia LIVE su Eurosport Player e Discovery+: scopri l'offerta bomba

Sagan perfetto, 18 vittorie nei Grandi Giri: rivivi la volata

Il team francese non ha la Specialized, hanno l'italianissima Wilier Triestina, ma hanno un budget importante per essere una squadra professional. E in più potrebbero ricevere proprio un'offerta da Specialized per effettuare un cambio di fornitore in vista della prossima stagione. L'obiettivo della Direct Énergie è quello di essere performante nelle Classiche 2022 con diverse punte da potersi giocare. Insieme a Sagan ci sarebbero Boasson Hagen, Bonifazio, Latour, Vuillermoz, Terpstra e, soprattutto, Turgis. Affare possibile?

Ecco il "regno di Sagan"! Tanti tifosi per lo slovacco, lui ringrazia

Giro d'Italia
Il film del Giro: le tappe e i risultati da Torino a Milano
03/05/2021 A 16:07
Tour de France
Froome il più pagato, Nibali 11°: la classifica degli stipendi
19/04/2021 A 21:53